Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 14 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO ITALIA – Forti TEMPORALI si stanno per sviluppare su molte regioni, NUBIFRAGI e GRANDINATE in arrivo

Previsioni meteo: sistema depressionario in quota sul Mediterraneo centrale tende ulteriormente ad approfondirsi con molte piogge e temporali sparsi sull’Italia, anche di forte intensità

METEO ITALIA - Forti TEMPORALI si stanno per sviluppare su molte regioni, NUBIFRAGI e GRANDINATE in arrivo
METEO ITALIA - Forti TEMPORALI si stanno per sviluppare su molte regioni, NUBIFRAGI e GRANDINATE in arrivo
1 di 3
  • Meteo – giornata più instabile della settimana, arrivano temporali su diverse regioni italiane

    Buongiorno e bentrovati amici del Centro Meteo Italiano. Come vi stiamo dicendo ormai da diversi giorni, sulla nostra Penisola a seguito di un’estesa rimonta dell’anticiclone è in arrivo una circolazione depressionaria in quota che porterà nelle prossime ore condizioni di generale maltempo su buona parte delle regioni italiane. Si tratterà quasi di un “cavallo di ritorno”, considerando che la stessa goccia fredda era scaturita dall’affondo della blanda saccatura atlantica che ha interessato il Settentrione nei giorni scorsi. Ad ogni modo gli effetti più pronunciati potranno certamente essere avvertiti oggi, quando é atteso il picco del maltempo su diversi settori. A partire da domani invece la circolazione depressionaria tenderà a muoversi verso sud, lasciando così spazio ad un generale miglioramento ed una ripresa graduale dei valori pressori. Per quanto riguarda invece le proiezioni nel medio-lungo periodo, sembrano esserci poche novità all’orizzonte con il bel tempo e le temperature sopra la soglia stagionale che potrebbero continuare a dominare lo scenario climatico del Mediterraneo: di questo peró ne parleremo meglio nella successiva pagina dell’editoriale. Ora vediamo al dettaglio cosa ci attende nei prossimi giorni.

    Meteo oggi venerdì 11 settembre 2020, maltempo su diverse regioni italiane: rischio di fenomeni intensi

    Nelle prossime ore assisteremo ad un generale peggioramento sulla nostra Penisola in quanto quello di oggi risulterà il giorno durante il quale la goccia fredda raggiungerà la massima vicinanza rispetto a molte regioni. Sin dalle prime ore del mattino, come anche confermato dalle immagini radar, diversi fenomeni stanno già interessando Piemonte, Liguria e nord della Sardegna (quest’ultima investita ieri da locali nubifragi concentrati perlopiù sui settori più a nord dell’isola). Durante il pomeriggio odierno è atteso lo sviluppo di attività temporalesca diffusa sulle isole maggiori, buona parte dell’Appennino con tendenza ad estensione verso le coste tirreniche e sull’arco alpino. Maggiore è la vicinanza dal nucleo depressionario in quota e maggiori saranno le possibilità di assistere a fenomeni davvero molto intensi. Sarà notevole anche il contributo del calore che arriverà dal suolo, essendo le temperature in queste ore ancora davvero molto alte con relativi valori di umidità al suolo altrettanto alti. La stessa colonnina di mercurio non subirà particolari variazioni di rilievo se non un fisiologico calo nei valori minimi e massimi sulla Sardegna dove il transito dei fenomeni temporaleschi ha riportato i valori in media o quasi rispetto al periodo. Vediamo però cosa ci attende domani.

    Meteo domani sabato 12 settembre, tempo in generale miglioramento ma con temporali ancora presenti sull’Italia

    Come anche anticipato all’interno del primo paragrafo, già a partire da domani assisteremo ad un generale miglioramento del tempo grazie al progressivo riassorbimento della goccia fredda ad opera del vasto campo di alta pressione che continua a dominare indisturbato su praticamente tutto il continente europeo centro-meridionale. Questo permetterà quindi il ritorno del bel tempo al Centro-Nord (ad eccezione di locali disturbi attesi sui settori alpini) ed una nuova ripresa verso l’alto delle temperature quasi ovunque. A dover fare i conti con i temporali saranno tuttavia ancora una volta le isole maggiori, dove sin dalla mattinata non mancheranno rovesci sparsi accompagnati da frequente attività elettrica ed improvvisi colpi di vento. Un primo miglioramento sulle Isole Maggiori è atteso comunque nel corso delle ore serali e notturne, specie in Sardegna dove i fenomeni saranno relegati perlopiù ai soli settori sud orientali dell’Isola. Ci vorrà invece ancora un po’ di tempo per la Sicilia. Temperature attese stazionarie o in ulteriore rialzo sulle regioni centro-settentrionali

  • AGGIORNAMENTO DEI MODELLI, possibile fase di maltempo il prossimo venerdì

    Per quel che riguarda la proiezione nel lungo periodo, la tendenza sembrerebbe ancora una volta incentrata sull’arrivo di un campo di alta pressione in sviluppo dal Nord Africa fin verso l’area scandinava. Alla sua radice saranno però sempre più frequenti gli attacchi sia ad opera di aria fresca e instabile proveniente da est, che da parte dell’aria atlantica che si riverserà dall’Islanda verso l’Europa occidentale. Sarà proprio questo tipo di incursione che tra venerdì e sabato prossimi potrebbe portare una fase di maltempo piuttosto acuta sulla nostra Penisola. A confermarlo è il Run di questa mattina del modello americano GFS oltre che l’emissione di ieri sera (12z) del modello europeo ECMWF, che propone l’affondo a partire dal 17/18 settembre. Trattandosi comunque di una tendenza vi invitiamo come sempre a seguire il nostro sito con tutti gli aggiornamenti più importanti in merito a quel che ci aspetta da metà mese in poi.

  • Per ulteriori dettagli continuate a seguirci anche sul nostro canale YouTube con aggiornamenti video in diretta

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU: