Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 22 Luglio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO ITALIA – Goccia fredda in AZIONE su alcune regioni con piogge SPARSE, poi strada spianata verso l’Estate?

PREVISIONI METEO – Una circolazione instabile in quota è ancora presente sui Balcani favorendo locali piogge al Centro-Sud, vediamo tutto nel dettaglio del breve-medio periodo

METEO ITALIA – Goccia fredda in AZIONE su alcune regioni con piogge SPARSE, poi strada spianata verso l’Estate?
METEO ITALIA – Goccia fredda in AZIONE su alcune regioni con piogge SPARSE, poi strada spianata verso l’Estate? fonte immagine, Pixabay
1 di 3
  • METEO : in mattinata ancora delle precipitazioni presenti su alcuni settori, poi ampie schiarite

    Buongiorno e bentrovati a tutti gli amici del Centro Meteo Italiano. Una profonda circolazione instabile attiva nel sud della Penisola Balcanica, continua a determinare condizioni di locale maltempo su alcune regioni italiane. Dopo che nella giornata di ieri un esteso fronte freddo ha interessato zone interne e pianure, l’animazione del satellite di questa mattina mostra nuvolosità a tratti compatta che scorre sui settori adriatici e al Meridione. Nelle prossime ore/giorni l’anticiclone tenderà comunque a rimontare in modo definitivo sulla nostra Penisola, trascinandosi un generale aumento delle temperature e cieli sempre più sgombri da nubi. A metà settimana una nuova goccia fredda tenderà ad avvicinarsi all’Italia, questa volta sulle regioni del Nord Est, ma non impatterà, bensì tenderà a risalire verso latitudini europee settentrionali. Quella che poteva rappresentare una minaccia per l’anticiclone, dunque, potrebbe dileguarsi lasciando così spazio ad un lungo periodo caldo e stabile sull’Italia. Andiamo a vedere però il dettaglio di quanto ci aspetterà oggi e domani, mentre una breve panoramica sulle ultime dai modelli matematici per il medio-lungo periodo nella pagina successiva dell’editoriale.

    METEO OGGI 22 giugno 2020: nuvolosità a tratti compatta sulle regioni del Centro-Sud, poi migliora

    La giornata di oggi, mercoledì 22 giugno 2020, si sta aprendo all’insegna della generale instabilità sia sulle regioni adriatiche che su quelle meridionali a causa di una circolazione instabile ancora attiva. L’attuale immagine radar fornita dalla Protezione Civile mostra infatti locali acquazzoni presenti tra Abruzzo, Molise e Puglia oltre che sulle zone interne di Campania e Basilicata. Nel corso della giornata le schiarite tenderanno a farsi man mano più ampie grazie al progressivo allontanamento del nocciolo depressionario verso Est. Ben diversa invece la situazione sulle regioni tirreniche e al Nord dove sia al mattino che nelle ore pomeridiane e serali resisteranno condizioni di tempo stabile e asciutto salvo locali acquazzoni sui rilievi. Le temperature come detto tenderanno a subire un generale aumento nei valori massimi, stazionarie invece le minime.

    METEO DOMANI 23 giugno 2020, il cielo è sempre più blu! Ancora disturbi al Sud

    La giornata di domani, martedì 23 giugno 2020, potrebbe essere quella che sancisce l’arrivo definitivo dell’Estate 2020 dal punto di vista climatico. L’anticiclone afroazzorriano tenderà a fare infatti un ulteriore passo verso Nord Est, determinando un ulteriore miglioramento delle condizioni atmosferiche sulla nostra Penisola. Qualche disturbo sarà tuttavia ancora presente sulle regioni meridionali: questo potrà concretizzarsi soprattutto nelle ore pomeridiane quando locali fenomeni convettivi tenderanno ad intensificarsi a confine tra Calabria e Basilicata ove non si escludono locali acquazzoni o brevi temporali. Situazione ben differente invece sul resto d’Italia dove ampie schiarite si alterneranno al transito di innocua nuvolosità ma senza fenomeni di rilievo. Le temperature subiranno un ulteriore incremento nei valori massimi, attese in rialzo anche le minime. Ventilazione a regime di brezza locale ovunque, salvo raffiche da Nord Est ancora presenti su diverse regioni del Meridione.

  • METEO: la tendenza nel medio-lungo periodo, l’anticiclone resiste?

    Le ultimissime emissioni dei modelli matematici, risalenti a questa mattina, mostrano chiaramente come il periodo anticiclonico a cui stiamo andando incontro potrebbe rivelarsi più o meno prolungato. L’approfondimento della corrente a getto lungo le alte latitudini europee potrebbe essere una delle principali cause di innesco ed irrobustimento del campo di alta pressione che tenderà ad elevarsi su praticamente tutto il continente europeo. L’unico punto ‘’debole’’, se così vogliamo chiamarlo, potrà essere il suo fianco orientale attorno al quale continueranno a scorrere delle circolazioni instabili più o meno profonde. La prossima, come anche specificato nel primo paragrafo, potrà palesarsi tra domani e giovedì anche se la nostra Penisola ne verrà soltanto sfiorata: a confermarlo sono i modelli UKMO e GFS di questa mattina, mentre il modello europeo ECMWF inizierà la sua emissione a partire dalle ore 8:00. Nell’editoriale delle ore 9:30 entreremo ancora più nel dettaglio per quanto riguarda il lungo periodo.

  • Per tutti i dettagli vi ricordiamo, come sempre, di seguire il nostro canale Youtube: all’interno disponibili video sempre aggiornati e ben curati graficamente.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU: