Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 14 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – ITALIA nel mirino dell’ANTICICLONE, ma non mancherà qualche TEMPORALE nei prossimi giorni, ecco dove

METEO - L'ITALIA rientra tra le mire espansionistiche dell'ALTA PRESSIONE, ma i FLUSSI INSTABILI rimarranno una spina nel fianco con qualche TEMPORALE comunque possibile in settimana, ecco dove

METEO – Ennesima GOCCIA FREDDA torna a MINACCIARE l’Italia: quali regioni a rischio?
METEO – Ennesima GOCCIA FREDDA torna a MINACCIARE l’Italia: quali regioni a rischio?
1 di 3
  • Giornata all’insegna dell’instabilità pomeridiana

    Fino alle prime ore di questo pomeriggio la giornata odierna è risultata piuttosto stabile e soleggiata in tutti i settori italiani. A partire dalle prime ore di questo pomeriggio però, una cumulogenesi spiccata ha interessato soprattutto le zone interne delle regioni centrali e in special modo la dorsale appenninica, dove si sono sviluppati (e si svilupperanno anche nelle prossime ore) temporali anche intensi ed estremamente localizzati. L’Estate dunque, dopo essere iniziata ieri astronomicamente parlando grazie al relativo solstizio con bel tempo generale (salvo locali eccezioni in Friuli Venezia Giulia), oggi sembra nuovamente incespicare.

    Correnti in arrivo dai quadranti orientali

    Le condizioni di maltempo che interessano soprattutto le zone interne della nostra Penisola e in particolare la dorsale appenninica e le aree ad essa adiacenti, sono causate dalla presenza di una vasta area di bassa pressione presente sulla Russia europea (vale a dire sulle zone occidentali della Russia) che determinano lo scorrimento di aria più umida e fresca in arrivo dai quadranti orientali o nordorientali sui Paesi dell’Est Europa. Tali correnti interessano marginalmente anche l’Italia e riescono ad apportare instabilità pomeridiana sul nostro Paese e nei prossimi giorni, come vedremo successivamente, continueranno a dare qualche grattacapo ad un Anticiclone comunque sempre più invadente nel Mediterraneo.

    Prossime ore miglioreranno le condizioni meteo

    Nel corso delle prossime ore verranno meno tutti i fattori che favoriscono lo sviluppo dei classici temporali pomeridiani, vale a dire l’irraggiamento solare (che contribuisce ad immettere nell’atmosfera una certa quantità energetica necessaria per i temporali stessi), ma anche le temperature che calando fisiologicamente verso serata, garantiscono un gradiente termico verticale meno spiccato di quello esistente nel pomeriggio e che è una vera e propria miccia per i temporali termoconvettivi. Pertanto, le condizioni meteo tenderanno a migliorare in tutte le aree interessate dal maltempo ora e nelle prossime ore, come abbiamo approfondito all’interno di un apposito editoriale.

  • Torna l’Alta pressione già da domani

    L’Anticiclone di matrice afroazzorriana che già da qualche giorno avvolge non solo il Mediterraneo occidentale, ma anche buona parte dell’Europa centrale, tenderà ad essere nettamente più invadente anche sulla nostra Penisola già da domani lunedì 22 giugno, sebbene qualche nota di maltempo (pomeridiano) potrà comunque interessare i settori interni questa volta del sud Italia, in particolare della Calabria e della Puglia.

  • Nella seconda parte della settimana nuova instabilità pomeridiana al nord

    L’Alta pressione tenderà ad avvolgere buona parte dello stivale fino ad almeno la fine di giugno, anche se le correnti più fresche e instabili responsabili del maltempo odierno continueranno a rimanere una spina nel fianco per l’Anticiclone stesso: nella seconda parte della settimana infatti nuovi disturbi temporaleschi in sviluppo sempre nel pomeriggio potranno interessare le aree settentrionali del Paese, in special modo quelle montuose. Da valutare nei prossimi giorni un possibile interessamento delle pianure adiacenti.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: