NanoPress

METEO ITALIA: perturbazione in vista con piogge, temporali e neve in montagna

Pubblicato da Francesco Cibelli

Peggioramento meteo sull'Italia dal weekend con calo delle temperature e neve sui rilievi

Segnala
Piogge, temporali e neve dal weekend per l'arrivo di un nuovo peggioramento meteo dall'Atlantico - Actionweb24.comPiogge, temporali e neve dal weekend per l'arrivo di un nuovo peggioramento meteo dall'Atlantico - Actionweb24.com
  • Tempo stabile salvo residue piogge al Sud

    Condizioni meteo più stabili sull’Italia grazie all’allontanamento verso il Mediterraneo orientale del minimo di bassa pressione, che ha portato intenso maltempo con neve anche abbondante sui rilievi. La giornata di oggi, Giovedì 7 febbraio, vedrà dunque tempo in prevalenza asciutto da Nord a Sud. In queste prime ore del giorno nuvolosità anche compatta interessa le regioni di Nord-Ovest ma senza fenomeni di rilievo associati. Maggiori schiarite al Nord-Est, sulle regioni del Centro e sulla Sardegna ma attenzione a locali foschie o banchi di nebbia in formazione lungo il corso del Po. Nuvolosità irregolare all’estremo Sud ma anche qui con tempo asciutto. Al pomeriggio nuvolosità in transito al Nord Italia, anche compatta, ma con tempo asciutto. Sereno o poco nuvoloso altrove salvo qualche addensamento più compatta su Calabria Ionica e Sicilia orientale dove si potrebbero avere anche locali piogge. In serata ancora qualche residua precipitazione tra Calabria e Sicilia, locali fenomeni anche sulle Alpi orientali di confine con neve oltre i 1000 metri.

    Dal weekend peggioramento meteo in arrivo

    Nei prossimi giorni il flusso atlantico lambirà l’Italia settentrionale portando nuvolosità in transito ma senza fenomeni di rilievo associati. Più sole soprattutto al Sud Italia grazie all’estensione dell’anticiclone sul Mediterraneo specie tra Sabato e Domenica. Gli aggiornamenti odierni dei modelli confermano poi la possibilità di un peggioramento meteo subito dopo il weekend. Una maggiore ondulazione del flusso atlantico dovrebbe portare all’elevazione dell’anticiclone delle Azzorre verso le Isole Britanniche e alla discesa sul Mediterraneo centrale di una struttura depressionaria. Secondo il modello GFS, le cui mappe sono consultabili nella nostra sezione dedicata, il transito della perturbazione dovrebbe portare fenomeni a partire dalla serata di Domenica sulle regioni settentrionali. Precipitazioni che tra Lunedì e Martedì interesseranno poi anche il Centro e il Sud Italia. Atteso un rapido calo delle temperature su valori in linea o anche di qualche grado sotto le medie del periodo. Evoluzione abbastanza simile anche per il modello Europeo ECMWF con possibile reiterazione del freddo a seguire a causa di un flusso antizonale sull’Europa.

  • Irruzione fredde da est entro la metà di Febbraio?

    Mese di febbraio che sta vedendo un parziale ricompattamento del vortice polare, almeno sul comparto europeo, con una generale ripresa del flusso zonale. Gli ultimi aggiornamenti dei principali modelli però insistono sulla possibilità di una fase di più fredda entro la metà del mese a causa dell’arrivo di aria dai quadranti orientali. Se l’inizio della prossima settimana vedrà una maggiore ondulazione del getto, a seguire il campo di alta pressione potrebbe allungarsi dall’Europa occidentale alla Scandinavia. Il modello GFS mostra massimi di pressione al suolo fino a 1050 hPa sulla Finlandia per la fine della prossima settimana. Gocce fredde potrebbero muoversi in questo caso sull’Europa orientale fino a raggiungere il Mediterraneo portando condizioni meteo invernali sull’Italia con freddo e neve a bassa quota. Seppur con delle fisiologiche differenze, anche il modello europeo va in questa direzione per quanto riguarda l’evoluzione fino a metà mese. Trattandosi per di tendenze meteo sul lungo periodo vi invitiamo come sempre a seguire tutti i prossimi aggiornamenti e ad iscrivervi al nostro canale youtube.

Iscriviti alla nostra newsletter

Francesco Cibelli

Sono appassionato di meteorologia da sempre, mi sono laureato in Fisica dell'Atmosfera e meteorologia all'università di Roma Tor Vergata entrando a far parte del team di CentroMeteoItaliano.it nel 2014 come meteorologo. Oltre che elaborare giornalmente previsioni meteo e bollettini mi occupo anche della gestione dei modelli di calcolo per l'atmosfera e per il mare. Sono un amante del freddo, della neve e in generale dei fenomeni più estremi.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter