Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 20 Luglio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO ITALIA – Primi SEGNALI anticiclonici, ma ancora TEMPORALI e GRANDINE in agguato: ecco DOVE

PREVISIONI METEO – Situazione meteorologica che volge verso un lento e graduale miglioramento sulla nostra Penisola, ma vi sono ancora delle insidie localmente molto intense: vediamo tutto nel dettaglio  

METEO ITALIA – Primi SEGNALI anticiclonici, ma ancora TEMPORALI e GRANDINE in agguato: ecco DOVE
METEO ITALIA – Primi SEGNALI anticiclonici, ma ancora TEMPORALI e GRANDINE in agguato: ecco DOVE
1 di 3
  • METEO : analisi sinottica dei prossimi giorni, anticiclone in rimonta ma sbilanciato verso Ovest

    Buongiorno e bentrovati a tutti gli amici del Centro Meteo Italiano. Dopo un lungo periodo caratterizzato da condizioni di generale maltempo, sulla nostra Penisola iniziano a vedersi i primi segnali di una prima e importante rimonta anticiclonica dell’Estate 2020. Non mancheranno, però, ancora dei temporali che potranno risultare anche intensi su diverse regioni italiane. A partire dal Nord Est dove sin dalle prime ore di questa mattina locali acquazzoni si alterneranno ad ampie schiarite. Nel fine settimana il transito di correnti fresche e instabili da Est attiveranno ancora una volta fenomeni convettivi sparsi sui rilievi, mentre maggiore stabilità è attesa al Nord Ovest e sulla Sardegna dove le temperature massime subiranno un primo aumento a partire da oggi/domani. La situazione sinottica dei prossimi giorni vedrà dunque un massimo pressorio atteso sull’Europa centrale, con l’anticiclone che tenderà ad elevarsi dall’area afroazzorriana verso Nord Ovest. Sul nostro Paese potrebbe,  tuttavia, restare attiva una circolazione secondaria da Est. Ma lo vedremo meglio nella seconda pagina dell’editoriale.

    METEO OGGI 19 giugno 2020: tempo in miglioramento, ma attenzione a Nord Est e zone interne

    La giornata di oggi, venerdì 19 giugno 2020, vedrà certamente il consolidarsi di condizioni meteorologiche più stabili e asciutte su buona parte del nostro Paese. Non mancheranno tuttavia disturbi più o meno importanti, specie sulle regioni nord orientali. L’attuale animazione satellitare mostra comunque un quadro piuttosto asciutto da Nord a Sud, con qualche acquazzone presente solamente sull’estremo settentrione lungo i rilievi dell’Alto Adige. Innocua nuvolosità medio-alta transita invece al Centro-Sud ma senza portare fenomeni di rilievo. Al pomeriggio è atteso un generale aumento dell’instabilità lungo i rilievi, ma le aree maggiormente colpite saranno quelle nord orientali dove i fenomeni tra Veneto e Friuli potranno assumere localmente anche carattere di nubifragio. Possibili grandinate anche fin verso le pianure. I fenomeni tenderanno invece ad attenuarsi nel corso delle ore serali e notturne. Temperature sull’Italia attese in generale aumento nei valori massimi, stazionarie o in lieve calo le minime.

    METEO DOMANI 20 giugno 2020, temporali localmente intensi su Alpi e Appennino, più asciutto altrove

    La giornata di domani si presenterà inizialmente stabile e asciutta su gran parte della nostra Penisola, un altro elemento inequivocabile che dimostra come l’anticiclone ed in generale il periodo più stabile siano ormai alle porte. Al mattino qualche addensamento in più è atteso soltanto sulla Liguria dove tuttavia non sono previsti fenomeni di rilievo. Al pomeriggio invece generale aumento dell’instabilità convettiva sia sui settori alpini che sui settori appenninici: i fenomeni potranno risultare anche di forte intensità sull’alta Toscana, Umbria e arco alpino nord orientale dove ancora una volta non si escludono locali grandinate. A differenza dei precedenti giorni però, le precipitazioni in serata tenderanno ad attenuarsi anziché espandersi verso le aree costiere e di pianura. Nelle ore notturne infatti il tempo si presenterà stabile e asciutto da Nord a Sud, con il solo transito di nubi innocue da Ovest sulle regioni del settentrione.

  • METEO nel medio-lungo periodo: conferme sull’anticiclone, ma attenzione alle gocce fredde

    Anche questa mattina i principali centri di calcolo sembrano essere fortemente orientati a confermare un lungo periodo caratterizzato dall’anticiclone sulla nostra Penisola, anche se potrebbero non mancare insidie e soprattutto correnti fresche e instabili da Est. Tra domenica e lunedì sembra essere confermato un rapido passaggio instabile sulle regioni adriatiche, anche se non così incisivo come sembrava dalle emissioni dei giorni scorsi. Nei giorni a seguire nonostante la poderosa rimonta sull’Europa dell’anticiclone afroazzorriano, sui Balcani resteranno attive delle aree depressionarie in quota che favoriranno la genesi di instabilità al pomeriggio sull’Appennino centro-meridionale. Nella giornata di ieri inoltre il centro europeo ECMWF aveva proposto il transito di una goccia fredda entro l’inizio del mese di luglio, ma si tratta di un’ipotesi che questa mattina non viene battuta dai modelli GFS e UKMO, ma la partita sembrerebbe ancora aperta. Per questo motivo vi invitiamo a restare aggiornati sul nostro sito web.

  • Per tutti i dettagli vi ricordiamo, come sempre, di seguire il nostro canale Youtube: all’interno disponibili video sempre aggiornati e ben curati graficamente.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU: