Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 9 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

METEO ITALIA – Temperature in CALO REPENTINO, ancora TEMPORALI all’ORIZZONTE: l’ESTATE arranca, i dettagli

PREVISIONI METEO – Nelle prossime ore torna il maltempo sui settori alpini, previsti temporali anche domani con piogge sparse fin verso la Liguria. Attenzione al week end con il fronte freddo

METEO ITALIA - Temperature in CALO REPENTINO, ancora TEMPORALI all'ORIZZONTE: l'ESTATE arranca, i dettagli
METEO ITALIA - Temperature in CALO REPENTINO, ancora TEMPORALI all'ORIZZONTE: l'ESTATE arranca, i dettagli, fonte immagine: Pixabay
1 di 3
  • METEO : la prima metà di luglio è quasi raggiunta tra temperature minime anche sotto le medie del periodo e passaggi instabili

    Buongiorno e bentrovati dal Centro Meteo Italiano. Il mese di luglio sta ormai per passare il paletto della metà e il borsino per l’Italia non può che essere diversificato tra Nord e Sud. Da una parte il clima ad ampi tratti instabile e le frequenti incursioni fresche dai quadranti settentrionali, dall’altra un’Estate calda ma senza particolari scossoni termici. L’attuale scenario sinottico pone infatti la nostra Penisola su un sottile confine che pone da una parte l’esteso campo di alta pressione ora presente sull’Europa occidentale e dall’altra invece un flusso di correnti fresche e instabili solo in parte. Da oggi aumenteranno però i fenomeni sull’arco alpino, così come persisterà l’instabilità al pomeriggio sull’Appennino. Ancora dubbi e incertezze su quanto potrebbe invece accadere nel medio-lungo periodo, con un’altra fase instabile che incombe sull’Italia (ne parliamo nella seconda pagina dell’editoriale). Andiamo però a vedere nel dettaglio quanto ci aspetta nelle giornate di oggi e domani, con l’Estate che sta palesemente faticando a trovare una solida stabilità.

    METEO OGGI martedì 14 luglio 2020,  peggioramento più severo sulle Alpi nelle ore pomeridiane. Fenomeni presenti anche lungo la dorsale appenninica

    La giornata odierna inizierà anzitutto con un generale calo delle temperature minime, anche di 5-6 gradi centigradi, su gran parte del territorio italiano. L’afflusso di correnti al suolo da Nord Est ha permesso che sin dalle prime ore di questa notte la colonnina di mercurio si portasse intorno a valori anche al di sotto della media stagionale. Bel tempo dunque al mattino su tutta Italia con cieli sereni o al più parzialmente nuvolosi. Maggiori addensamenti invece su Alpi e Prealpi con possibilità di deboli piogge sull’alta Lombardia. Graduale e è più severo peggioramento del tempo invece al pomeriggio sui settori alpini dove non sono esclusi locali temporali entro le ore serali e notturne, questo per l’abbassamento dell’ennesimo flusso instabile. Resiste bel tempo invece sul resto del Paese salvo locali temporali attesi sui rilievi del Centro-Sud. Ventilazione in ulteriore rinforzo dai quadranti nord orientali specie al Centro-Nord, con tendenza ad una diminuzione delle velocità soltanto dopo metà giornata.

    METEO DOMANI mercoledì 15 luglio 2020,  molte nubi al mattino sulle regioni centro-settentrionali, fenomeni presenti all’estremo Nord e sulla Liguria

    La giornata di domani vedrà invece al il transito  di molte nubi sulle regioni centro-settentrionali per l’ulteriore avvicinamento del flusso un idk alle quote medie. I fenomeni saranno però relegati al solo arco alpino e più localmente sulla Liguria. Al pomeriggio i temporali tenderanno ad intensificarsi ulteriormente sulle Alpi dove tra Alto Adige e Lombardia settentrionale sono attese precipitazioni localmente anche di forte intensità. Quadro immutato sul resto del Paese dove a dominare saranno le nubi in transito sulle regioni centrali e le ampie schiarite su quelle meridionali, ma con fenomeni convettivi ancora presenti sui settori interni dell’Appennino. Le temperature minime non subiranno variazioni di rilievo tenendosi sulla media del periodo, mentre le massime torneranno a subire un generale rialzo. Andiamo a vedere ciò che ci aspetta invece nei giorni a seguire e nel fine settimana.

  • Meteo medio-lungo periodo, modelli matematici confermano: goccia fredda in arrivo nel week end

    Sul lungo termine non ci sono particolari novità, ma con la situazione del week end ancora fortemente in bilico. Se da un parte sembrerebbe infatti confermato il calo delle temperature, dall’altra ci sono invece maggiori dubbi circa l’entità di un eventuale fronte freddo associato. Molto dipenderà infatti dalla direttrice dell’ingresso instabile: in base a quello si potrà eventualmente capire quanto sarà ampio il coinvolgimento della nostra Penisola e se, soprattutto, i fenomeni raggiungeranno anche le aree tirreniche. Dubbi leciti ma che potranno essere sciolti soltanto in un secondo momento. Attualmente il modello americano Gfs anche con l’emissione di questa mattina sembrerebbe voler confermare l’isolamento di un nocciolo depressionario in quota che si posizionerà più o meno sui Balcani, mentre il modello europeo ECMWF nell’emissione di ieri sera conferma invece uno scenario più rapido con il passaggio di una saccatura fresca da Est che porterebbe un generale refrigerio soltanto per 48-54 ore. Ancora troppo presto comunque per entrare così nel dettaglio: ne parleremo meglio nell’editoriale delle ore 9:30

  • Per tutti i dettagli vi ricordiamo, come sempre, di seguire il nostro canale Youtube: all’interno disponibili video sempre aggiornati e ben curati graficamente.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU: