Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 15 Luglio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO ITALIA – Tra sole e FORTI TEMPORALI, il MALTEMPO ancora NON SI FERMA! Ecco le zone colpite

PREVISIONI METEO – Un'estesa circolazione instabile sulla nostra Penisola continua a determinare condizioni di attività temporalesca a tratti molto intensa, vediamo la tendenza nel breve-medio termine in questo editoriale

METEO ITALIA - Tra sole e FORTI TEMPORALI, il MALTEMPO ancora NON SI FERMA! Ecco le zone colpite
METEO ITALIA - Tra sole e FORTI TEMPORALI, il MALTEMPO ancora NON SI FERMA! Ecco le zone colpite
1 di 3
  • METEO : nelle prossime ore nuovi temporali in sviluppo soprattutto al Centro-Nord, coinvolte anche le pianure

    Buongiorno e bentrovati a tutti gli amici del Centro Meteo Italiano. Dopo che nel fine settimana un profondo sistema depressionario in quota è transitato sulla nostra Penisola favorendo la genesi di piogge e attività temporalesca anche intensa sulle regioni centro-settentrionali, il tempo ha subito un momentaneo miglioramento su buona parte del territorio italiano. La moviola satellitare di questa mattina mostra infatti ampie schiarite al Nord Ovest e sulle regioni tirreniche oltre che lungo le Isole maggiori. Persiste invece instabilità sulle regioni nord orientali e gran parte della costa adriatica a causa della circolazione instabile ancora attiva a tutte le quote ora fissata sulle coste della Croazia. In questo editoriale cercheremo di analizzare nel dettaglio quanto avverrà oggi, domani e nei prossimi giorni che potranno risultare decisivi a livello sinottico sullo sviluppo dell’Estate 2020, mai come questo punto arrivata ad un vero e proprio crocevia per capirne l’evoluzione.

    METEO OGGI venerdì 12 giugno 2020, prima giornata con bel tempo su gran parte delle regioni italiane

    La giornata di oggi lunedì 15 giugno inizierà con cieli nuvolosi o molto nuvolosi al primo mattino su Trentino Alto-Adige, Friuli, Veneto, coste della Romagna e Marche con deboli precipitazioni associate. Maggiore variabilità su Puglia e Abruzzo ma senza fenomeni di rilievo se non locali o brevi acquazzoni sul pescarese. Cieli in prevalenza sereni invece su Liguria, Toscana, Lazio, Campania, Sicilia e Sardegna. Al pomeriggio situazione ben differente con l’aumento dell’instabilità convettiva non solo sulle Alpi ma anche e soprattutto lungo l’arco appenninico: qui non sono esclusi fenomeni anche di forte intensità con possibili grandinate e picchi pluviometrici molto elevati (specie nel valore di rain rate) attesi in estensione anche verso le aree costiere dell’Adriatico. Più asciutto invece sulle regioni occidentali dove prevarrà il bel tempo grazie alle correnti in quota che tenderanno a disporsi da NW lungo tutto il versante tirrenico. Fenomeni in lenta attenuazione nel corso della serata ma ancora attivi specie al Centro-Nord.

    METEO DOMANI 16 giugno 2020, persistono condizioni di generale instabilità ma con temperature in aumento

    Anche quella di domani si presenterà come una giornata ad ampi tratti instabile e perturbata sul nostro Paese, sempre per l’area depressionaria in quota che continuerà a pilotare masse di aria più fresca e instabile verso il nostro Paese. I fenomeni comunque tenderanno a concentrarsi nelle ore pomeridiane quando le celle temporalesche avranno origine su Alpi e Appennini per poi estendersi localmente fin verso le pianure di tutte le regioni settentrionali (ad eccetto con ogni probabilità di Liguria ed Emilia Romagna) oltre che sulle coste del medio-alto Adriatico. Tempo sempre più stabile e asciutto invece sulle regioni meridionali e lungo le aree tirreniche, dove anzi le temperature tenderanno a subire un generale aumento sia nei valori minimi che nei valori massimi. Precipitazioni attese in generale attenuazione nelle ore serali: andiamo però a vedere le ultimissime dai principali centri di calcolo per la tendenza nel medio-lungo periodo.

  • UKMO E GFS, le ultimissime dai modelli di questa mattina

    Gli aggiornamenti più recenti dei modelli matematici ci portano ad analizzare le uscite di Gfs e Ukmo. Il modello americano questa mattina propone uno scenario leggermente più sposato verso maggiore instabilità al Centro-Sud tra giovedì e venerdì: questo quadro si sposta un po’ rispetto a quanto ipotizzato finora dallo stesso, quando un esteso flusso di correnti umide e instabili avrebbe dovuto attraversare la nostra Penisola. Al contrario stamane sembrerebbe sposare una visione più occidentale di una nuova goccia fredda in quota che andrebbe a posizionarsi tra Francia e sud della Bretagna, portando maltempo su buona parte dell’Europa ma anche sulle regioni settentrionali italiane. Piuttosto simile il quadro proposto anche dal centro europeo Ukmo, all’interno del quale si intravedono maggiori possibilità di rimonta anticiclonica di stampo azzorriano entro il prossimo week end, momento in cui l’aria instabile potrebbe andarsi a posizionare sull’Est Europa favorendo un generale ritorno della stabilità dopo diverse settimane di latenza.

  • Per tutti i dettagli vi ricordiamo, come sempre, di seguire il nostro canale Youtube: all’interno disponibili video sempre aggiornati e ben curati graficamente.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Brando Trionfera

il 20 Dicembre 2015 ho conseguito la laurea triennale in Scienze Geologiche presso l’Università “La Sapienza” di Roma, pochi mesi dopo intraprendo l’avventura lavorativa al Centro Meteo Italiano. Negli anni successivi, parallelamente all’operato nel CMI che consiste nell’elaborazione di previsioni meteo grafiche, bollettini e articoli previsionali, continuo a seguire il percorso di studi magistrale in Geologia d’Esplorazione presso la stessa università. Ho conseguito la laurea il 26 Ottobre del 2018 con votazione di 110 e Lode dopo aver raccolto e rielaborato, per oltre un anno, dati sui terremoti nel Molise presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in ambito della mia tesi sperimentale.

SEGUICI SU: