Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 30 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Ultime sul MALTEMPO, il FREDDO persiste sull’ITALIA e sul MEDITERRANEO

METEO - Freddo persistente sulla nostra Penisola, l'Italia è alla presa con una nuova parentesi di maltempo diffuso

METEO – Ultime sul MALTEMPO, il FREDDO persiste sull’ITALIA e sul MEDITERRANEO
1 di 3
  • Sinottica meteo con maltempo e freddo prolungato

    La configurazione barica che si è instaurata in questi giorni sull’Italia vede una circolazione diretta di aria fredda dai quadranti settentrionali dell’Europa. Questa interazione cesserà col termine della settimana, a causa dell’assenza di contributo di correnti fredde ed all’avanzamento di un’area altopressoria dal continente Africano. Dopo il passaggio del minimo depressionario che ha raggiunto un valore di pressione intorno ai 1005 hPa, un nuovo centro di bassa pressione è previsto transitare sull’Italia tra domani e dopodomani: il minimo richiamerà ancora correnti fredde e le precipitazioni risulteranno moderate su gran parte dei settori Tirrenici. Secondo la modellistica ad alta risoluzione, le regioni esposte ad ovest potranno ricevere accumuli pluviometrici piuttosto omogenei, tra i 20 e i 50 mm . Inoltre, dopo un breve innalzamento delle temperature, queste potranno calare nuovamente nella seconda parte della settimana richiamate dalla porta del “Rodano” sull’Italia. Sarà una fase meteo più fredda, con temperature più rigide rispetto alle medie.

    Temperature sotto la media del periodo ancora per una settimana

    Il periodo che stiamo attraversando risulta particolarmente freddo se confrontato rispetto alla media del mese di Ottobre. Basti pensare che qualche giorno fa sulle Alpi Carniche la neve è riuscita a cadere fin sulla collina, coinvolgendo il tratto autostradale dell’A23 e la località Friulana di Tarvisio. Tra Giovedì e Venerdì ci interesseranno ancora una volta le correnti in ingresso da nord-ovest e le anomalie termiche torneranno ad abbassarsi: sulla Sardegna si potrà raggiungere uno scarto negativo dalla media fino ad 8°C, mentre sul resto della penisola il divario sarà intorno ai 4°C. Nel complesso ci troveremo in una settimana piuttosto fredda, con temperature contenute e piogge diffuse sulla nostra Penisola. Ecco quali saranno le regioni più colpite da questo peggioramento meteo!

    Focus maltempo: le zone interessate

    Ancora una volta saranno le regioni Tirreniche ad essere i primi bersagli delle piogge. Infatti grazie alla formazione di un nuovo minimo depressionario torneranno ad essere bagnate la Liguria, la Toscana, la Campania ed il Lazio dalla seconda parte della giornata di Mercoledì. Giovedì poi il maltempo si estenderà a tutta la penisola con piogge moderate anche al sud. Potrà tornare la neve sulle Alpi, con fiocchi dai 1200 metri e sull’Appennino dai 1500/1600 metri, qualora le condizioni proposte dai modelli matematici si confermino più in là. Sul seguito potrebbe aprirsi un periodo in cui non avremmo più bisogno dell’ombrello: siamo in attesa di una nuova “Ottobrata” in arrivo!

  • Ottobrata in vista, sempre più probabile

    L’area di bassa pressione verso il fine settimana ci abbandonerà, lasciando spazio ad una rimonta anticiclonica via via sempre più presente. Questa ipotesi viene portata avanti da alcuni modelli matematici, in particolar modo dal modello ECMWF, il quale presenta un promontorio d’alta pressione in estensione fin sulle isole Britanniche. In questo periodo potrebbero tornare a farci compagnia le nebbie e le gelate sulle zone interne, tuttavia non avendo ancora la certezza, ma solo la probabilità di questa fase stabile, vi aggiorneremo nelle prossime pubblicazioni!

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Gabriele Serafini

Appassionato di meteorologia da svariati anni, ho studiato Ingegneria Meccanica presso l'università Roma Tre. Nel 2014 ho fondato Meteo Lazio, che ad oggi vanta una vasta rete di stazioni meteorologiche indipendenti. Mi sono certificato come Tecnico Meteorologo WMO presso il CNR di Bologna nel 2019 ed iscritto presso l'Associazione Meteo Professionisti nel medesimo anno. Infine collaboro con alcune sedi di Protezione Civile nel Lazio per la fornitura di dati meteo, bollettini previsionali e segnalazione di locali criticità.

SEGUICI SU: