Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 26 Gennaio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – L’ANTICICLONE torna PROTAGONISTA nel Mediterraneo, ma sarà molto rapido, ecco perché

METEO - L'ANTICICLONE torna PROTAGONISTA sullo scenario del Mediterraneo, ma si tratterà di un'onda mobile prefrontale: il MALTEMPO tornerà a breve, i dettagli

METEO – L’ANTICICLONE torna PROTAGONISTA nel Mediterraneo, ma sarà molto rapido, ecco perché
Onda mobile prefrontale.
1 di 3
  • Ritrovata stabilità in Italia dopo un weekend pienamente invernale

    Negli ultimi due giorni la nostra Penisola sta vivendo condizioni meteo più asciutte e più stabili a causa della ripresa dell’Alta pressione che è tornata ad essere protagonista dello scenario meteorologico del Mediterraneo. Questa fase più stabile (che sarà breve come vedremo nel presente editoriale) segue un weekend di maltempo di stampo prettamente invernale in cui qualche fiocco ha fatto capolino a bassissima quota fino ad interessare le zone nord della Capitale.

    Una delle annate migliori per Alpi e Appennini

    Questa è una delle annate migliori sotto il punto di vista nivometrico per Alpi e Appennini. Nell’anno sbagliato forse a causa dell’emergenza sanitaria. In questo momento gli accumuli sulle grandi catene montuose italiane superano in molti casi il metro di altezza, ma localmente va anche molto oltre. Non a caso, in alcuni frangenti le intense nevicate hanno portato diversi disagi persino nelle località così notoriamente abituate a questo tipo di fenomeni.

    Anticiclone debole, da domani già qualche nota d’instabilità sul versante tirrenico

    L’Anticiclone però risulta piuttosto rapido, tipico di un’onda mobile prefrontale, di un’Alta pressione cioè che preannuncia l’arrivo di un fronte di maltempo. In effetti, già da domani mercoledì 20 gennaio la cupola anticiclonica mostrerà i primi cenni di cedimento a causa dell’arrivo delle prime note di instabilità sul versante tirrenico centro-settentrionale, stando almeno a ciò che prospettano i principali centri di calcolo.

  • Il maltempo tornerà in auge da giovedì

    Il maltempo vero e proprio, accompagnato cioè da un fronte organizzato, tornerà in auge solamente a partire dalla giornata di giovedì 21 gennaio a causa della progressione di una saccatura di origine polare marittima che riporterà piogge e acquazzoni su gran parte delle regioni centro-settentrionali. La massa d’aria, piuttosto mite ai bassi strati dell’atmosfera, conserverà buona parte del freddo ad alta quota, riportando nuove nevicate sulle Alpi.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: