Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 1 Aprile
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – L’INVERNO ci prova, CROLLO DELLE TEMPERATURE, forti venti e NEVE in Italia, ecco quando e le zone colpite

Rapida perturbazione in Italia con crollo delle temperature. Altalena termica questa settimana

Veloce perturbazione riporta condizioni maggiormente invernali in Italia
1 di 4
  • Rapido cambiamento in Italia

    Sull’Italia, come gran parte dell’Europa centro-meridionale, le condizioni meteo restano stabili e soleggiate anche se nel corso delle prossime ore assisteremo a un rapido aumento delle nubi e le prime piogge al settentrione, seppur deboli, a causa di una perturbazione Atlantica che interesserà rapidamente il nostro Paese. Nella giornata di domani si avvertiranno i massimi effetti della perturbazione con rovesci, temporali e quota neve in calo al centro e poi al meridione.

    Piogge e temperature in calo e rovesci temporaleschi

    Il tutto avrà una durata limitata ma servirà per far assaporare un’atmosfera più invernale, rispetto a quella primaverile che ha dominato per buona parte di febbraio. A partire dalle prossime ore avremo un crollo delle temperature al settentrione, soprattutto al nord-est, e, nella giornata di mercoledì anche al centro, segnatamente in Adriatico, con valori che torneranno in linea con le medie stagionali. Purtroppo gli ultimi aggiornamenti modellistici hanno “spostato” di un centinaio di km la perturbazione in direzione dei Balcani, a causa di un anticiclone sempre troppo invadente e in spinta da ovest. Nonostante questo però, l’Italia verrà sfiorata dalla discesa fredda e non mancheranno anche dei veloci rovesci o temporali, più probabili nelle prossime ore al nord-est e domani sulle regioni centro-meridionali Adriatiche.

    Regioni Adriatiche maggiormente colpite

    Perturbazione rapida e maggiormente insistente al centro-sud

    Stando agli ultimi aggiornamenti, sull’Appennino centrale arriverà anche qualche nevicata al di sopra dei 1400-1500 metri, soprattutto tra Marche, Abruzzo, Molise e Puglia. Qualche fiocco anche più in basso e fin verso i 1000 metri in caso di rovesci particolarmente intensi. Si avvertirà anche un rinforzo del vento dai quadranti nord-occidentali, utile per  dare una parziale ripulita alla qualità dell’aria nelle nostre città. Questi risulteranno maggiormente intensi lungo le coste del basso Adriatico soprattutto tra domani sera e giovedì. Inoltre, le temperature caleranno di circa 7-8 gradi rispetto alle massime registrate quest’oggi al centro-sud. Il tutto come detto sarà molto veloce, il vortice polare resta compatto e ancora sfavorevole per importanti e durature incursioni fredde verso la nostra penisola.

  • Nuova spinta dell’Anticiclone da giovedì

    In questo momento c’è bisogno di freddo, di neve e di pioggia, grandi assenti di questo inverno. Dalla giornata di giovedì, (dopo le ultime piogge e nevicate in quota sul medio-basso Adriatico), l’anticiclone tornerà a far parlare di se e garantirà altre giornate stabili e miti in Italia, almeno fino alla giornata del 24 febbraio 2020. Un calo delle temperature che avrà una durata non superiore alle 24-36 ore, con il momento più freddo che si registrerà tra la serata di giovedì e la mattinata di venerdì, causa anche la serenità del cielo.

  • Maltempo nel mondo: piogge alluvionali nel nord Europa

    Situazione ben diversa nel nord Europa, che ormai da giorni sta facendo i conti con una nuova tempesta, con venti ben oltre 100 km/h, piogge alluvionali e allagamenti. Situazione molto difficile in Inghilterra, dove in circa 48 ore è caduta tanta pioggia quanta in genere ne viene giù in oltre un mese. Purtroppo si contano anche delle vittime, 3 al momento, le piogge dovrebbero continuare anche nei prossimi giorni.

  • Seguiteci sul nostro canale Youtube

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi fondamentali aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo anche ad iscrivervi.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU: