Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 19 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – La TEMPESTA ETA flagella il Nicaragua: NUBIFRAGI e frane, ci sono 3 morti, ecco i dettagli

METEO - La TEMPESTA ETA è arrivata a colpire duramente il Nicaragua, provocando NUBIFRAGI e conseguenti FRANE KILLER: ci sono 3 morti, ecco tutti i dettagli

METEO – La TEMPESTA ETA flagella il Nicaragua: NUBIFRAGI e frane, ci sono 3 morti, ecco i dettagli
Ciclone, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Bel tempo prevalente sulla nostra Penisola

    Gran parte della nostra Penisola quest’oggi vive ancora condizioni meteo di generale stabilità, eccezion fatta come vedremo nel prossimo paragrafo per alcuni settori nordoccidentali alle prese con qualche piovasco. E’ infatti da diversi giorni che buona parte del Paese si sta trovando ad osservare quella che viene tipicamente chiamata l’Estate di San Martino che corrisponde ad un periodo anticiclonico che si situerebbe all’incirca proprio nella prima parte del mese di novembre. Le temperature peraltro risultano oltre la media del periodo, seppur l’anomalia non sia così marcata.

    Qualche disturbo sui settori nordoccidentali a causa dell’arretramento dell’Alta pressione

    In un mare di stabilità che avvolge la nostra Penisola, si evidenziano però quest’oggi alcuni disturbi di maltempo che interessano nella fattispecie le regioni nordoccidentali e più in particolare la Liguria (genovese). Questo a causa di un arretramento lieve, ma comunque piuttosto evidente dal quadro sinottico a nostra disposizione, della struttura anticiclonica che fino ad oggi ha rivestito interamente il territorio nazionale, seppur non sempre portando cieli limpidissimi. Nelle prossime ore piovaschi più o meno intensi riguarderanno in maniera locale diversi settori del nordovest, come abbiamo approfondito in un apposito editoriale.

    La tempesta Eta colpisce il Nicaragua

    La stagione autunnale in corso è caratterizzata da un susseguirsi continuo della formazione di cicloni tropicali o di strutture tropicali che diverse volte anche raggiungono lo stadio di uragano. Pertanto, mentre in Italia si assiste a condizioni meteo di prevalente stabilità, con locali e deboli disturbi di maltempo, nel resto del mondo gli uragani e le tempeste tropicali continuano a macinare danni e a mietere purtroppo vittime. La tempesta tropicale Eta ha colpito il Nicaragua, un Paese dell’America Centrale, provocando non pochi danni come vedremo nel prossimo paragrafo. L’ultima tempesta su cui ci siamo focalizzati in questa sede è stata la tempesta Ellen che si abbatté sul Regno Unito nel corso dell’ultimo weekend.

  • Nubifragi e colate di fango killer: ci sono 3 morti

    Stando dunque a ciò che si apprende dal sito “thejournal.ie” nelle scorse ore la tempesta Eta avrebbe raggiunto il Nicaragua (facendo landfall sulla costa come uragano di categoria 4), portando forti nubifragi e violente raffiche di vento fino a 100km/h. Essa si starebbe muovendo in maniera lenta, provocando fenomeni persistenti e frane che totalmente hanno ucciso 3 persone. I suoi effetti si sarebbero estesi fino al vicino Honduras, dove si registra una delle 3 vittime: si tratta di una ragazza di 12 anni travolta da una colata di fango a San Pedro Sula.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: