METEO LIVE: oggi 9 aprile tempo instabile con temporali, ecco le regioni più colpite

Pubblicato da Francesco Cibelli

Condizioni meteo instabili sull'Italia prima di un nuovo peggioramento organizzato

Segnala
Tempo instabile con nuvole e piogge sull'Italia - sat24.comTempo instabile con nuvole e piogge sull'Italia - sat24.com
  • Risveglio piovoso su alcune regioni

    Un minimo di bassa pressione posizionato sulla Grecia spinge ancora correnti dai quadranti nord-orientali sulla nostra Penisola, le quali portano qualche pioggia o acquazzone sparso. Nella mattinata di oggi, Martedì 9 aprile, troviamo molte nuvole da Nord a Sud con addensamenti più compatti lungo i versante adriatici. Gli acquazzoni più intensi li troviamo in queste ore su Molise, Puglia e Basilicata. Qualche pioggia interessa anche Lombardia, Triveneto e Calabria mentre altrove il tempo si mantiene più asciutto. Temperature più elevate dei giorni scorsi con le minime che a causa della copertura nuvolosa si mantengono prossime o localmente superiori ai +10 gradi, più basse al Nord-Ovest e lungo il versante tirrenico.

    Evoluzione meteo prossime ore

    Precipitazioni attuali dal radar - protezionecivile.gov.it

    Precipitazioni attuali dal radar – protezionecivile.gov.it

    Come possiamo vedere anche dall’immagine radar qui a fianco diverse precipitazioni interessano l’Italia ma anche durante la giornata le condizioni meteo si manterranno piuttosto instabili. Nel pomeriggio piogge e locali temporali potrebbero interessare le regioni del Nord, ad eccezione di Piemonte e coste della Liguria. Acquazzoni sparsi anche sulla dorsale Appenninica con sconfinamento dei fenomeni verso le coste dell’Adriatico. Piogge sparse poi anche su Sicilia e Sardegna, su quest’ultima localmente di moderata o forte intensità. Tra la sera e la notte i fenomeni insisteranno soprattutto al Nord e sulla Sardegna ma attenzione perché un nuovo peggioramento meteo si avvicinerà da ovest.

  • Ancora perturbazioni verso l’Italia

    Un nuovo peggioramento meteo interesserà l’Italia a partire da domani. Ancora una volta la perturbazione arriverà dall’Atlantico, con un flusso che ormai da molti giorni scorre alle latitudini più basse a causa di un vasto campo di alta pressione tra Groenlandia, Islanda e Nord Atlantico. Precipitazioni diffuse dunque tra Mercoledì e Venerdì su gran parte della Penisola, localmente anche a carattere di temporale. Ancora neve possibile su Alpi e Appennino centro-settentrionale generalmente oltre i 1500-1800 metri. Nel weekend non escluso anche un ulteriore calo delle temperature a causa del passaggio di una goccia fredda sull’Europa centrale, la cui traiettoria rimane però ancora incerta.

  • Maltempo prolungati fino alla Pasqua?

    Mancano ancora due settimane alla Domenica di Pasqua, decisamente troppo per qualsiasi previsione meteo in senso stretto, come approfondito anche nei precedenti editoriali. I principali modelli meteo mostrano questa configurazione, con anticiclone alle alte latitudini e flusso atlantico su Europa e Mediterraneo, almeno fino alla metà del mese. A seguire però, come si può vedere anche dagli spaghi di GFS qui a fianco, l’incertezza di fa troppo alta e anzi è anche lecito attendersi un generale cambio di circolazione sull’Europa. Sicuramente nel corso di questa settimana avremo qualche indizio in più sulle previsioni meteo per Pasqua.

  • Vi invitiamo dunque a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

Iscriviti alla nostra newsletter

Francesco Cibelli

Sono appassionato di meteorologia da sempre, mi sono laureato in Fisica dell'Atmosfera e meteorologia all'università di Roma Tor Vergata entrando a far parte del team di CentroMeteoItaliano.it nel 2014 come meteorologo. Oltre che elaborare giornalmente previsioni meteo e bollettini mi occupo anche della gestione dei modelli di calcolo per l'atmosfera e per il mare. Sono un amante del freddo, della neve e in generale dei fenomeni più estremi.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter