Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 7 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Nel WEEKEND BRACCIO di FERRO tra l’ANTICICLONE e le correnti ATLANTICHE, i dettagli

METEO - BRACCIO di FERRO nel WEEKEND tra l'ANTICICLONE e le correnti ATLANTICHE: ITALIA divisa in due tra i TEMPORALI e il SOLE e clima ESTIVO, tutti i dettagli

Meteo weekend.
1 di 3
  • Fase perturbata ha interessato gran parte d’Italia nel trascorso weekend

    Nel weekend oramai concluso da un paio di giorni, l’Italia ha vissuto una fase perturbata a causa dell’affondo di una saccatura di origine atlantica successivamente isolata a goccia fredda e transitata verso i quadranti sudorientali, puntando la Penisola balcanica. Ciò ha determinato un’ondata di forte maltempo sull’Italia peninsulare, con i temporali che hanno però presentato carattere sparso e non molto diffuso, lasciando ai margini del peggioramento i settori costieri. L’instabilità ha lasciato il segno, causando alcuni danni e disagi dapprima in Lombardia, Piemonte ed Emilia-Romagna, e successivamente anche nel Lazio.

    Caldo in aumento nei prossimi giorni, ma senza particolari eccessi

    A partire dalla giornata odierna sono piuttosto evidenti gli effetti di una nuova spinta dell’Anticiclone afroazzorriano proveniente dai quadranti sudoccidentali, che ha scacciato via le ultime correnti instabili presenti sui settori più nordorientali italiani e che nella giornata di ieri hanno causato qualche temporali in zona. Oggi infatti, il tempo si presenta stabile e asciutto ovunque, con cieli pressoché soleggiati e qualche addensamento nuvoloso maggiore presente solamente sull’arco alpino piemontese e sui rilievi montuosi delle regioni nordorientali. Il caldo aumenterà, ma senza troppi eccessi nei prossimi giorni, come abbiamo approfondito all’interno di un apposito editoriale.

    Da venerdì rapido ingresso di correnti più fresche ad alta quota

    Stando tuttavia alle attuali emissioni dei principali centri di calcolo, sembrerebbe che dalla giornata di venerdì 10 luglio un rapido ingresso di correnti più fresche ad alta quota possa interessare la nostra Penisola, in particolare ancora una volta le regioni settentrionali. Si tratterà più che altro di una blanda circolazione depressionaria, che non sarà nemmeno in grado di portare un calo delle temperature, dal momento che invece è atteso proprio venerdì 10 il picco del caldo. Tuttavia, basterà per innescare la formazione e il successivo sviluppo di qualche temporale pomeridiano, vediamo dove.

  • Temporali anche intensi sui settori nordorientali

    I temporali dunque torneranno a presentarsi sull’Italia nella giornata di venerdì 10 luglio e lo faranno in particolar modo sulle regioni nordorientali, dove avranno un carattere maggiormente diffuso. L’instabilità con tutta probabilità scoppierà nel corso del pomeriggio e interesserà soprattutto l’area dell’Alto Adige. Non è escluso un interessamento dei settori più a nord del Veneto e del Friuli, soprattutto nella giornata di sabato.

  • Sabato temporali anche sull’Appennino

    Nella giornata di sabato 11 luglio le correnti instabili saranno piuttosto determinanti nello sviluppo di temporali anche intensi lungo l’Appennino, in special modo quello centrale e quello calabrese. A quel punto le temperature potranno subire un lieve calo rientrando pienamente nella media del periodo, mentre il calo sarà ovviamente più netto nelle zone colpite dal maltempo su cui ci siamo già focalizzati nel presente paragrafo e in quello precedente.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: