Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 26 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – NEVE RECORD paralizza il GIAPPONE, fino a 2 metri in poche ore; il video

METEO - NEVE RECORD paralizza il GIAPPONE, fino a 2 metri in 72 ore a Minakami con migliaia di automobilisti bloccati per strade; il video dell'evento

METEO – NEVE RECORD paralizza il GIAPPONE, fino a 2 metri in poche ore; il video
Neve record in Giappone; fonte foto Kyodo / Reuters
1 di 3
  • Meteo estremo nel mondo, tra neve record ed alluvioni

    Meteo  – Ben ritrovati cari lettori del Centro Meteo Italiano. Riprendiamo la consueta rubrica giornaliera sugli eventi meteorologici estremi che interessano il resto del mondo. Nella giornata di ieri vi abbiamo parlato delle piogge alluvionali che hanno coinvolto il Brasile, provocando almeno 12 vittime, mentre nei giorni scorsi della violenta ondata di freddo e neve che ha raggiunto gli Stati Uniti. Rimanendo in tema di freddo, nella prossima pagina vi racconteremo quanto accaduto in Giappone nelle ultime 72 ore, colpito da un’intensa ondata di freddo con neve record e persone rimaste bloccate in auto.

    Meteo Italia: nubi sparse e qualche pioggia

    Meteo – Prima di approfondire quanto avvenuto in Giappone, facciamo una rapida panoramica di quanto sta accendo ed accadrà anche in Italia. Il nostro Paese sta vivendo una fase meteorologica sostanzialmente transitoria; la presenza di un campo altopressorio protegge l’Italia da eventuali fasi di maltempo, ma non del tutto da infiltrazioni umide nei medio-basso strati. Le condizioni meteo di questo weekend saranno caratterizzate da cieli nuvolosi su molte regioni italiane, con qualche pioggia al nordovest, Toscana e nella giornata di domani attese anche sui settori ionici. Attenzione a possibili manovre fredde a ridosso delle festività di Natale.

    Irruzione fredda tra Natale e Capodanno?

    Meteo – Gli aggiornamenti odierni confermano l’ondata di freddo attesa per le festività di Natale sull’Italia. Correnti fredde di estrazione artica raggiungeranno l’Europa centrale proprio a ridosso del Natale, coinvolgendo anche parte dell’Italia. Il maltempo di carattere invernale potrebbe estendersi anche alle regioni meridionali durante la festività di Santo Stefano; a seguire è atteso un nuovo miglioramento del tempo, ma il vortice polare si manterrà piuttosto disturbato e pronto a colpire nuovamente l’Europa ad inizio di Gennaio con nuove fasi invernali che potrebbero portare freddo e neve nuovamente anche su parte dell’Italia. Rimanete aggiornati, nel frattempo vediamo nella prossima pagina quanto avvenuto in Giappone.

  • Neve record in Giappone, fino a 2 metri in 72 ore

    L’inverno atteso per le festività natalizie sull’Europa, sta già colpendo duro il Giappone. Tra mercoledì e venerdì un’intensa ondata di freddo ha determinato nevicate record sui settori nord-occidentali del Paese; il manto nevoso ha raggiunto in alcune località valori record. Particolarmente colpite le prefetture di Niigata e Gunma, dove in 72 ore sono caduti fino a 2.17 metri di neve a Minakami e 1.8 metri nella famosa località sciistica di Yuzawa; tali valori risultano record per le rispettive località. Inevitabili le ripercussioni con gli automobilisti rimasti bloccati sulla superstrada che collega Tokyo con Niigata, creando oltre 16 km di coda; intervenuti anche i soccorritori per fornire cibo, coperte e carburante agli automobilisti costretti a passare la notte nelle loro auto. In basso è visibile il video della neve record in Giappone.


  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Meteo  – Festività dal sapore invernale sull’Italia, seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Davide Gallicchio

Laureato in Fisica dell’Atmosfera e Meteorologia presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata, con una tesi di laurea sperimentale sull'evento meteorologico estremo che ha interessato l'Italia il 29 Ottobre del 2018, attualmente sto perfezionando la mia preparazione attraverso il corso di laurea magistrale in Atmospheric Science and Technology. Parallelamente al percorso di studi lavoro presso il Centro Meteo Italiano S.r.l come meteorologo, occupandomi anche della stesura di articoli meteo e comunicati per emittenti radiofoniche.

SEGUICI SU: