Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 7 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO: una nuova perturbazione ha nel mirino l’Italia, ecco quando torna il maltempo

Meteo: una nuova perturbazione è pronta a portare sull'Italia maltempo intenso, con i primi fenomeni già nelle prossime ore.

Nuovo peggioramento meteo alle porte, con una vasta perturbazione in avvicinamento all'Italia: torna il maltempo.
1 di 4
  • Perturbazione atlantica sempre più vicina all’Europa

    Diverse perturbazioni si sono date il cambio in questo mese di novembre molto dinamico sotto il profilo meteo, con maltempo intenso e clima finalmente più autunnale che quasi estivo. Negli ultimi giorni però c’è stata una breve tregua sull’Italia, almeno da quello che riguarda gli acquazzoni e i temporali più intensi: ieri, così come oggi, giovedì 21 novembre, correnti instabili portano sì piogge sparse sulla nostra Penisola con qualche fiocco di neve sulle montagne, ma i fenomeni risultano generalmente deboli o a tratti moderati, come mostrato dai modelli elaborati dal nostro centro di calcolo. Attenzione però che questo piccolo miglioramento ha già le ore contate: una vasta perturbazione atlantica si sta infatti avvicinando all’Europa, con un marcato peggioramento meteo anche per l’Italia.

    Precipitazioni sparse quest’oggi, giovedì 21 novembre, sull’Italia

    Correnti più fresche e instabili in quota affluiscono sull’Italia in questi giorni portando con loro piogge sparse soprattutto sulle regioni settentrionali e su quelle tirreniche. Anche in queste ore la situazione non cambia, come potete vedere dalle immagini radar presenti sul nostro sito, con qualche pioviggine al Nord così come su Toscana e Lazio: sulle Alpi la neve cade invece fin verso i 1400-1500 metri, mentre sull’Appennino non manca qualche fiocco oltre i 1600-1700 metri. Durante le ore pomeridiane le precipitazioni continueranno ad insistere sulle regioni settentrionali e su quelle tirreniche, estendendosi anche alle isole Maggiori, come mostrato dal nostro modello GFS. I fenomeni saranno generalmente deboli o al più localmente moderati, con nevicate sull’arco alpino e sull’Appennino settentrionale sempre oltre i 1400-1500 metri.

    Fenomeni in intensificazione dalla serata specie al Nord Ovest

    Modello GFS elaborato dal nostro Centro di Calcolo – Pressione al livello del mare e Geopotenziale a 500 hPa alle 18Z del 22 novembre 2019

    Tempo instabile quindi in Italia ma sarà da questa sera che si inizieranno a sentire i primi assaggi di maltempo. Come potete vedere anche dalle carte consultabili nella sezione dedicata sul nostro sito, una vasta perturbazione atlantica si sta avvicinando all’Europa occidentale, lambendo con i suoi effetti anche la nostra Penisola. In particolare, i primi acquazzoni e temporali interesseranno il Nord Ovest, ad iniziare da Liguria e basso Piemonte. Sarà però domani, venerdì 22 novembre, che il maltempo si farà sentire ad iniziare dalle stesse zone già in ginocchio dopo un mese di novembre all’insegna di temporali e nubifragi. Secondo le ultime uscite dei principali modelli, infatti, un minimo fino a 980 hPa sul Golfo di Biscaglia piloterà aria più fredda verso il Mediterraneo, dove questa andrà poi ad approfondire un secondo minimo tra Baleari e Sardegna.

  • Temporali, locali nubifragi e neve ad inziare dal Nord Ovest

    Stando a quanto mostrato dalle ultime uscite dei principali modelli meteo, il maltempo è pronto a tornare protagonista sull’Italia, iniziando dal Nord Ovest. In particolare non si esclude la possibilità che Liguria e Piemonte in primis possano essere interessate da nuovi acquazzoni e temporali intensi, i quali potranno assumere anche carattere di nubifragio a partire dalla serata di domani. Non solo piogge però, perché la neve tornerà a cadere sulle Alpi, con accumuli a tratti anche abbondanti a quote medio alte sui settori occidentali. I fiocchi si potrebbero però spingere fino anche verso i 1000 metri.

  • Weekend all’insegna del maltempo con una nuova perturbazione

    Le correnti instabili che affluiscono sull’Italia lasceranno presto spazio all’arrivo di una nuova vera e propria perturbazione, stando a quanto mostrato dalle ultime uscite dei principali modelli meteo. Nonostante sia ancora troppo presto scendere in ulteriori dettagli, sia il modello GFS che il modello ECMWF propongono l’isolamento di una goccia fredda sul Mediterraneo occidentale già nel weekend, con questa che dovrebbe transitare poi verso lo Ionio e la Grecia. A seconda della traiettoria che seguirà esattamente la goccia, l’Italia sarà più o meno coinvolta: più il minimo sarà prossimo alla nostra Penisola, più il maltempo sarà intenso, mentre se la perturbazione passerà più occidentale, l’Italia potrebbe essere solo lambita da qualche pioggia.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e poi nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

     

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Martina Rampoldi

Fin da quando ero piccola sono sempre stata attratta dalle previsioni del tempo e da tutti gli eventi atmosferici. Nata e cresciuta a Milano, mi sono laureata in Fisica dopo la maturità scientifica e successivamente ho conseguito il Master in Meteorologia presso l'Universitat de Barcelona. Nel 2014 ho raggiunto Roma entrando a far parte del team del centrometeoitaliano.it come meteorologa. Principalmente mi occupo di previsioni meteo e della stesura dei bollettini, insieme ai comunicati per varie stazioni radio e ai video di divulgazione. Amante del freddo e della neve e di tutto ciò che riguarda la montagna, affascinata da uragani e tornado.

SEGUICI SU: