Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 27 Gennaio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – PEGGIORAMENTO in arrivo in ITALIA con PIOGGIA e NEVE a quote medio-alte, i dettagli

METEO - ONDATA di MALTEMPO POLARE in arrivo sullo stivale, porterà PIOGGE, ACQUAZZONI, ma anche NEVICATE, seppur a quote medio-alte; ATTENZIONE a locale GELICIDIO, i dettagli

METEO – PEGGIORAMENTO in arrivo in ITALIA con PIOGGIA e NEVE a quote medio-alte, i dettagli
Prossimi giorni in compagnia del maltempo.
1 di 3
  • Parentesi meteorologica più stabile dopo il weekend invernale

    Si è aperta in questo inizio settimana una parentesi meteorologica nettamente più stabile grazie al recupero dell’Alta pressione che ha spazzato via anche le ultime correnti artiche che nel weekend passato hanno portato la neve a quote bassissime con fiocchi fino alle porte della Capitale. Tuttavia, l’Anticiclone quest’oggi ha iniziato a mostrare importanti segnali di cedimento, almeno per quanto concerne il versante tirrenico con l’ingresso dei primi piovaschi.

    Piovaschi e locali acquazzoni sul settore tirrenico, specie centro-settentrionale

    L’Anticiclone sta velocemente scivolando verso i quadranti orientali sospinto dalla progressione dell’ennesima saccatura di origine polare marittima in arrivo sul Mediterraneo centrale, un’evoluzione indotta dal regime di forte zonalità nel quale ci troviamo in questo periodo. Il maltempo sta dunque per tornare sullo stivale portando piogge, acquazzoni, nevicate a quote medio-alte, ma anche localmente fenomeni di gelicidio, ecco dove.

    Neve in bassa collina su cuneese nella mattinata di domani, medio-alte altrove

    Per quanto concerne la giornata di domani giovedì 21 gennaio, stando a ciò che prospettano i principali centri di calcolo, l’azione di una saccatura di origine polare marittima porterà effetti ben visibili nel cuneese dove la quota neve si attesterà intorno ai 300/400 metri, mentre sarà decisamente più alta altrove: si va dai 900/1000 metri delle Prealpi venete fin sui 1400/1600 metri sull’Appennino centro-settentrionale.

  • Richiamo mite impetuoso per venerdì, ma poi crollo termico nella seconda parte di giornata

    La perturbazione scivolerà via venerdì 22 gennaio e lascerà il posto ad un richiamo di correnti miti a causa di un nuovo affondo polare che contestualmente estenderà il suo raggio d’azione sulla Francia. Nella seconda parte del giorno l’ingresso di queste correnti in arrivo dai quadranti nordoccidentali determineranno un nuovo crollo delle temperature in particolare nel Piemonte, con neve localmente fino a quote pianeggianti. Altrove attesi acquazzoni e locali nubifragi in particolare sulla Liguria centro-orientale sul settore tirrenico centrale. Nevicate in Appennino a quote ancora elevate.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: