Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 2 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – PERICOLO FUGA dalle SPIAGGE con l’arrivo del violento MALTEMPO, ecco le ZONE COLPITE

METEO - AFFONDO PERTURBATO di natura ATLANTICA mette l'ANTICICLONE AFRICANO ai ferri corti, causando un KO temporaneo dell'ESTATE, ecco i dettagli

Shelf cloud, immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 3
  • Riecco il maltempo al nord, ancora stabile sulle regioni centro-meridionali

    Una nuova saccatura di origine atlantica è tornata a spingere dai quadranti settentrionali provocando un arretramento da parte dell’Anticiclone africano che ha per più giorni avvolto la nostra Penisola. Segnali di cedimento che erano già evidenti nella giornata di ieri con la formazione di qualche temporale nelle zone interne del nostro Paese in occasionale sconfinamento verso le aree costiere, ma che oggi sono divenuti ancor più evidenti grazie ad un fronte di maltempo che ha investito tra la notte e la mattinata il nord Italia. Restano ancora all’asciutto le regioni del centro-sud. Il peggioramento aveva peraltro indotto il Dipartimento di Protezione Civile ad emettere allerta per oggi.

    Acquazzoni e temporali provocano danni e disagi sparsi al nord, più colpita Alessandria

    Tra le ore di questa notte e le prime ore di questa mattina molteplici sistemi temporaleschi hanno avuto origine al nord Italia e in particolare nell’occhio del maltempo è stato principalmente il Piemonte, ma anche la Lombardia centro-orientale, con un maggior coinvolgimento delle aree del mantovano. E’ però in Piemonte che si sono registrate le principali criticità, con danni e disagi ingenti soprattutto ad Alessandria, dove si è abbattuto un vero e proprio nubifragio accompagnato da violente raffiche di vento fino a 100km/h. Tuttavia, il fronte perturbato si è successivamente esteso verso sud, interessando anche l’Emilia-Romagna.

    Ondata di maltempo non ancora terminata, ora anche le spiagge nel mirino

    Nonostante una generica attenuazione dei fenomeni sulle regioni settentrionali d’Italia nel corso di questo pomeriggio, l’ondata di maltempo non è però terminata qui, non solo per il nord, ma anche per gran parte del nostro Paese (aree non ancora interessate dai temporali comprese). Mentre infatti nelle prossime ore sistemi temporaleschi torneranno a generarsi su alcune zone del settentrione, in particolare tra Piemonte e Lombardia, nella giornata di domani lunedì 3 agosto presenterà carattere più sparso e andrà ad interessare anche molte spiagge italiane, vediamo le zone colpite.

  • Alto versante adriatico e tirrenico a bersaglio del maltempo

    Nella giornata di domani lunedì 3 agosto il maltempo presenterà carattere nettamente più sparso sull’Italia, interessando non solo questa volta le regioni settentrionali, ma anche parte di quelle centrali. Reale pericolo di fuga dalle spiagge, soprattutto su quelle della Liguria e dell’alta Toscana (dove i fenomeni saranno anche intensi), ma verranno coinvolte anche quelle dell’alto versante adriatico: più specificamente del Veneto, del Friuli Venezia Giulia e anche parzialmente quelle romagnole.

  • Temporali nelle zone interne di Marche, Umbria e Toscana

    Come scritto in precedenza, l’instabilità inizierà a coinvolgere da domani lunedì 3 agosto anche parte delle regioni centrali, in particolare Marche e Umbria dove i temporali saranno anche intensi. Sebbene quest’ultima non abbia spiagge, per quanto concerne la prima i fenomeni sono previsti soprattutto nelle zone interne, con sconfinamenti sulle aree costiere poco probabili, ma comunque plausibili soprattutto sul litorale settentrionale.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: