Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 21 Febbraio
Scarica la nostra app
Segnala

METEO: perturbazione pronta a colpire, temperature giù e neve in arrivo in ITALIA

METEO ITALIA: torna protagonista l'inverno entro il weekend con temperature in calo e neve anche a bassa quota, ecco i dettagli

Freddo in arrivo con maltempo in Italia, ecco dove e quando
Freddo in arrivo con maltempo in Italia, ecco dove e quando
1 di 4
  • Ancora qualche giorno con l’anticiclone, livelli di smog alle stelle

    Tra oggi e domani la scena meteo sull’Italia sarà ancora dominata dall’anticiclone che porterà stabilità quasi ovunque. Il fronte polare si sta leggermente abbassando e ondulando verso l’Europa occidentale ma tra Mediterraneo ed Europa orientale seguiterà ad insistere un campo di alta pressione con valori al suolo fino a 1030 hPa. Tempo stabile con sole prevalente sull’Italia ma si faranno ancore vedere le nebbie sulla Pianura Padana che localmente potrebbero risultare anche fitte e persistenti. Molte nubi medio-basse anche sulla Liguria dove non si esclude ancora qualche pioviggine soprattutto sui settori centro-orientali della regione. Livelli di smog in continua crescita con blocchi del traffico sempre più restrittivi nelle grandi città.

    Modello GFS che conferma un peggioramento meteo per il weekend

    Nonostante l’incertezza dei giorni scorsi, il peggioramento meteo previsto per il weekend viene anche oggi confermato dal modello GFS. La corrente a getto potrebbe infatti farsi più ondulata permettendo ad una saccatura depressionaria di raggiungere il Mediterraneo. Già nella notte tra Venerdì e Sabato le condizioni meteo potrebbero peggiorare al Nord Italia con piogge in arrivo e neve in montagna anche a quote medio-basse. Peggioramento che poi nella giornata di Sabato dovrebbe estendersi alle regioni centro-meridionali con piogge e temporali localmente anche intensi soprattutto sui versanti tirrenici. Temperature giù fino a portarsi di qualche grado al di sotto delle medie con la neve che dovrebbe fare la sua comparsa fin sotto i 1000 metri su Alpi e Appennino.

    Neve, immagine di repertorio fonte ANSA.

    Neve, immagine di repertorio fonte ANSA.

    Inverno alla ribalta anche sul lungo termine o tornerà l’anticiclone?

    Se l’affondo freddo previsto per il weekend andasse a segno sarebbe il primo importante peggioramento meteo dell’anno. Molto attesa la neve sulle montagne ma anche la pioggia per abbassare i livelli elevatissimi di smog nelle grandi città. Come detto anche nei precedenti editoriali la terza decade di gennaio potrebbe mostrarsi più dinamica grazie ad un vortice polare in leggera frenata. All’inizio della prossima settimana il modello GFS vede ancora un vasto e robusto campo di alta pressione con valori al suolo fino a 1040 hPa. Questo però si eleverebbe verso le Isole Britanniche permettendo ad aria più fredda di raggiungere l’Europa orientale e il Mediterraneo lungo il suo bordo orientale. Non è al momento escluso un’espansione anche più settentrionale con aria molto fredda in discesa su Scandinavia e poi Europa centro-orientale.

  • Neve in arrivo anche a bassa quota grazie al calo delle temperature, ecco dove

    Il modello GFS, a differenza dell’europeo ECMWF, mostra un peggioramento meteo più incisivo sia in termini di precipitazioni che di freddo. Tra Sabato e Domenica le temperature si porteranno infatti di qualche grado sotto la media su buona parte dello Stivale. Anomalie negative anche di 4 gradi sulle regioni centro-settentrionali e sulla Sardegna. La neve dovrebbe fare la sua comparsa soprattutto sulle Alpi occidentali e sull’Appennino centro-settentrionale. I fiocchi potrebbero spingersi fin sotto i 500-700 metri sulle Alpi e sull’Appennino settentrionale mentre su quello centrale la quota neve dovrebbe attestarsi intorno ai 1000 metri ma con discrete possibilità di fiocchi anche più in basso. Ovviamente questi dettagli andranno rivisti tra qualche giorno in quanto la previsione è ancora suscettibile di cambiamenti anche importanti ma l’inverno avrà senz’altro qualcosa da dire.

  • Modello europeo conferma il peggioramento ma con alcune riserve

    Rispetto ai giorni scorsi, l’ultimo aggiornamento del modello europeo è andato piuttosto incontro a GFS. Nella giornata di Sabato ecco allora l’affondo della perturbazione sul Mediterraneo centrale con l’approfondimento di un minimo di pressione sul Mar Ligure. Maltempo ad iniziare dalle regioni settentrionali con piogge, temporali e neve fino a quote consone al periodo in corso. A seguire il minimo si sposta verso il Sud portando condizioni di tempo instabile o perturbato anche sul resto dell’Italia. Tra Domenica e Lunedì calo termico più pronunciato su tutta la Penisola con l’instaurarsi di correnti più fredde dai quadranti orientali. A seguire l’anticiclone potrebbe tornare protagonista e qui, almeno per il momento, è il modello americano ad accodarsi a ECMWF.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 4

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Francesco Cibelli

Sono appassionato di meteorologia da sempre, mi sono laureato in Fisica dell'Atmosfera e meteorologia all'università di Roma Tor Vergata entrando a far parte del team di CentroMeteoItaliano.it nel 2014 come meteorologo. Oltre che elaborare giornalmente previsioni meteo e bollettini mi occupo anche della gestione dei modelli di calcolo per l'atmosfera e per il mare. Sono un amante del freddo, della neve e in generale dei fenomeni più estremi.

SEGUICI SU: