Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 7 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – PIOGGE ALLUVIONALI e inondazioni devastano il sud-ovest del Giappone: almeno 44 morti, dispersi e maxi evacuazioni

METEO - Piogge alluvionali devastano tutto: aumentano le vittime in Giappone. Al momento sono 44 i morti accertati

Allagamenti, immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 3
  • Intenso maltempo colpisce il Giappone

    La situazione è mutata in Italia e dopo il passaggio della perturbazione, strascichi instabili restano al meridione, dove proseguono temporali anche forti specie in Calabria. Non solo, proprio in queste ore la coda di una nuova perturbazione in transito sull’Europa centrale, sta colpendo il settentrione, in particolare il nordest, dove nel corso della nottata saranno da mettere in conto rovesci e temporali anche forti. Spostiamoci adesso all’estero dove la situazione è ben peggiore in diversi paesi. Situazione critica in alcune zone del Brasile, soprattutto nella parte meridionale del Paese, dove un ciclone ha portato morte e distruzione. Tragica la situazione anche in Giappone dove aumentano i morti, una vera e propria lotta contro il tempo anche per cercare le persone che tuttora risultano disperse.  Maltempo anche in altre zone europee, come riportato in apposito editoriale.

    Situazione critica in Giappone, decine di morti

    Maltempo molto violento che, come detto,  sta continuando in Giappone, dove al momento piogge alluvionali e esondazioni hanno causato almeno 44 morti. Come riportato da rsi.ch, le precipitazioni hanno costretto le autorità locali ad emettere un ordine di evacuazione dalle proprie case per 250’000 persone nelle prefetture di Kumamoto, Kagoshima e Miyazaki. Numerosi anche i dispersi, tanto che si pensa che il bilancio delle vittime possa salire anche verso i 100. ll livello massimo di allerta è stato attivato nella prefettura di Miyazaki, dove diversi corsi di acqua sono esondati, così come nella città di Kanoya, vicino Kagoshima, con le precipitazioni che hanno raggiunto valori mai visti prima, fino a 110 millimetri all’ora. Situazione che resta tuttora molto critica mentre proseguono le operazioni di salvataggio nel sud-ovest del Paese.

    Almeno 10 morti e danni gravi in Brasile

    Come detto, situazione critica anche in alcune zone del Brasile, dove, come riportato da alertageo.org, il numero di morti causato dal passaggio del ciclone che ha colpito Paraná, Santa Catarina e Rio Grande do Sul è salito a 10. Come detto, una delle zone maggiormente colpite è stata quella di Santa Caterina, dove nove persone sono morte a causa della caduta di barriere o piastre, secondo quanto riportato dalla Protezione civile.  A Rio Grande do Sul, un uomo è morto sepolto in una frana. Danni ingentissimi in molte città del Brasile con strade trasformate in fiumi in piena di acqua e fango. Molto forti anche i venti che hanno raggiunto i 120 km/h dopo la formazione di un ciclone extratropicale, associato al passaggio di un fronte freddo.

  • Tornado a Cuba giorni fa

    Come riporta adncuba.com, dopo il passaggio di un tornado si fa la conta dei danni, soprattutto nel comune di Palma Soriano a Santiago de Cuba, dove diverse case hanno perso i loro tetti. I principali danni si sono verificati in Avenida Libertad. Fortunatamente non si sono registrate delle vittime ma i danni sono stati ingentissimi, in particolare ad alcune abitazioni. Tetti scoperchiati, muri crollati ed anche piccole frane. Dopo il passaggio del tornado, immediate sono state le chiamate ai vigili del fuoco che sono intervenuti in zona per verificare di persona la situazione.

  • Seguiteci sul canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU: