Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 13 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – PIOGGE TORRENZIALI in Giappone causano diverse INONDAZIONI, ci sono almeno 18 morti, VIDEO

METEO - Forte MALTEMPO si abbatte sulle aree sudoccidentali del Giappone, provocando INONDAZIONI e almeno 18 morti. Ci sono anche 14 dispersi, VIDEO dell'accaduto

Alluvione in Giappone, immagine fonte ANSA.
1 di 3
  • Condizioni meteo in netto miglioramento rispetto ai giorni scorsi

    Sebbene, come vedremo nel prossimo paragrafo, persistano nel corso di questo pomeriggio alcune note di maltempo che stanno colpendo solo poche zone del Paese, nella giornata odierna dal satellite meteorologico è piuttosto evidente il miglioramento delle condizioni meteo visibile soprattutto sulle regioni centro-settentrionali dove a prevalere sono i cieli pressoché soleggiati. Tale miglioramento segue una fase di duro maltempo che ha portato danni dapprima al nord soprattutto in Piemonte e Lombardia e poi anche al centro, colpendo in special modo il Lazio. Oggi peraltro al centro-nord si registra anche un aumento localmente sensibile della temperatura.

    Qualche nota di maltempo in Calabria

    Come accennato in precedenza, si fanno ancora notare in alcune zone del Paese gli effetti di una goccia fredda che momentaneamente risulta posizionata sul Mare Jonio. Tali flussi instabili in arrivo dai quadranti sudorientali, causano in Calabria lo sviluppo di temporali termoconvettivi estremamente localizzati nel corso di questo pomeriggio: essi risulteranno nonostante la loro brevità comunque intensi, con temperature in calo sensibile laddove colpiscono. Nonostante qualche addensamento interessi le zone interne della Campania e il ragusano e il siracusano, qui il tempo rimane e rimarrà asciutto e stabile.

    Fenomeni meteorologici estremi nel mondo

    In una situazione meteorologica che torna apparentemente tranquilla sulla nostra Penisola, come è solito fare in questi casi andiamo a scrutare quanto invece di estremo accade nel mondo ovviamente sotto il punto di vista climatico. Nelle settimane passate abbiamo fatto vari cenni ad una stagione monsonica davvero attiva nella Penisola indiana e più generalmente negli Stati adiacenti al Golfo del Bengala, che non hanno mancato anche quest’anno di portare centinaia di morti a causa della frequentissima attività elettrica. Tuttavia quest’oggi ci spostiamo ancor più verso oriente e più precisamente in Giappone, come vedremo nel prossimo paragrafo.

  • VIDEO – Alluvione nelle zone sudovest del Giappone, 18 morti e 14 dispersi

    Stando a quanto riporta il sito “ansa.it” la conta dei danni in Giappone non si appresta a terminare: oltre all’esondazione di due fiumi in ben 11 località che ha causato danni e forti disagi, ci sarebbero anche ben 18 morti e 14 dispersi. Sono inoltre 203.000 gli evacuati tra le prefettura di Kagoshima e Kumamoto e 6.000 le abitazioni che segnalano un black-out. 30 distretti della prefettura di Kumamoto sarebbero attualmente isolati a causa di frane e smottamenti, mentre 50 sono bloccate presso una casa di cura nel villaggio di Kuma. A testimonianza di quanto scritto fin ora, vi riportiamo un video del canale Youtube “Guardian News“.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: