Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 25 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Prima NEVE sull’APPENNINO CENTRALE, un assaggio in vista dei prossimi giorni

METEO - Neve in calo sull'Appennino centrale, fiocchi fin sui 1500 metri nelle prossime ore ecco le regioni interessate dal maltempo

METEO – Prima NEVE sull’APPENNINO CENTRALE, un assaggio in vista dei prossimi giorni
Immagine webcam Ovindoli - fonte ovindolimagnola.it
1 di 3
  • Primi disturbi e precipitazioni sparse sul centro Italia

    L’Italia è alle prese con una generale tregua dal maltempo, ad eccezione del centro sud dove permangono ancora isolati e sparsi nuclei precipitativi che stanno imperversando in queste ore. La sinottica attuale prevede una condizione di tempo ibrido, con nuvolosità irregolare sull’Appennino, sulle regioni meridionali e sulle isole Maggiori, mentre sulla Francia un nuovo centro di bassa pressione si è formato sui settori settentrionali; quest’ultimo andrà ad insidiare le nostre condizioni meteo nelle prossime 24 ore in una situazione molto simile a quella che ci ha interessato lo scorso weekend. Il maltempo in questa finestra temporale sembra aver trovato un “varco” oramai predefinito, in quanto il peggioramento si manifesterà dai medesimi settori nei giorni avvenire. Scopriamo insieme quello che accadrà!

     

    Un’altra perturbazione farà irruzione nelle prossime 24 ore

    Questa configurazione barica sarà sospinta da una saccatura d’aria fredda protesa verso la Penisola Iberica; l’interazione con le acque del Mediterraneo e le correnti più meridionali del nord-Africa, genererà un nuovo minimo di bassa pressione che apporterà maltempo per l’ennesima volta in questo Autunno 2020. Sarà richiamato ancora freddo con temperature sotto la media del periodo specialmente al centro-nord e sulla Sardegna (con anomalie negative fino a 8°C) e le precipitazioni nevose torneranno in montagna; al momento la neve ha già fatto la sua comparsa sulle montagne dell’Appennino. Ecco cosa sta accadendo in queste ore!

    Neve in Appennino, quote sempre più basse in arrivo

    Una sottile e labile coltre di neve ha ricoperto alcune località d’alta quota in Appennino: nella raffigurazione webcam si può osservare l’arrivo degli impianti sciistici di Ovindoli (AQ), dove poco fa c’è stata una nevicata intorno ai 1900 metri. Anche la stessa Campo Imperatore (ad una quota superiore) sta ricevendo nevicate in questa giornata. Gli accumuli tuttavia risultano ancora esigui e potranno essere “rinforzati” dall’apporto di nuovi impulsi in ingresso dal Tirreno nelle prossime giornate. La neve inizialmente potrà cadere sui 1800-1900 metri con accumuli anche copiosi specialmente sui versanti occidentali; successivamente potrà calare fino ai 1500 metri. La perturbazione infatti sarà ben strutturata e dovrebbe apportare precipitazioni più intense sulle regioni centrali rispetto ai precedenti episodi. Potrebbe trattarsi inoltre del più significativo peggioramento del mese, a causa di una possibile rimonta anticiclonica in vista.

  • Rimonta anticiclonica, un pò di sole dopo le piogge

    L’Autunno è spesso caratterizzato anche da periodo altopressori e giornate con forti escursioni termiche, grazie al forte raffreddamento notturno: potrebbe essere questa l’ipotesi maturata dal modello Europeo (e dagli altri al seguito) per l’inizio della terza decade di Ottobre. Secondo alcuni centri di calcolo, un modesto promontorio d’aria più mite e stabile potrebbe farsi spazio sull’Europa centrale, andando a lambire i settori più settentrionali e “proteggerci” dalle piogge e dal maltempo per qualche giorno. Una situazione abbastanza plausibile, viste anche le proiezioni mensili dei modelli che annoverano più risalto a questo trend nel medio/lungo termine.

     

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nelle prossime ore e nei prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Gabriele Serafini

Appassionato di meteorologia da svariati anni, ho studiato Ingegneria Meccanica presso l'università Roma Tre. Nel 2014 ho fondato Meteo Lazio, che ad oggi vanta una vasta rete di stazioni meteorologiche indipendenti. Mi sono certificato come Tecnico Meteorologo WMO presso il CNR di Bologna nel 2019 ed iscritto presso l'Associazione Meteo Professionisti nel medesimo anno. Infine collaboro con alcune sedi di Protezione Civile nel Lazio per la fornitura di dati meteo, bollettini previsionali e segnalazione di locali criticità.

SEGUICI SU: