Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 30 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Primi segnali di CEDIMENTO dell’ALTA PRESSIONE, torna il MALTEMPO nelle PROSSIME ORE, ecco le ZONE COLPITE

METEO - L'ANTICICLONE è nuovamente sotto ATTACCO da parte delle correnti ATLANTICHE che ne causano un primo CEDIMENTO: torna il MALTEMPO sulle regioni nordoccidentali nelle PROSSIME ORE, ecco i dettagli

METEO – Primi segnali di CEDIMENTO dell’ALTA PRESSIONE, torna il MALTEMPO nelle PROSSIME ORE, ecco le ZONE COLPITE
Maltempo, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Anticiclone nuovamente in arretramento

    Nei passati giorni un robusto promontorio di Alta pressione di matrice africana ha avuto modo di estendersi sul Mediterraneo centrale sospinto dal moto ciclonico di una saccatura di matrice atlantica che contestualmente portava effetti sulla Penisola iberica. Ciò ha portato spesso in questa prima parte di settimana condizioni meteo di generale bel tempo, accompagnato spesso da cieli sereni o poco nuvolosi e con addensamenti più importanti solamente sulle regioni nordoccidentali, dove non è mancato persino qualche breve piovasco intermittente, soprattutto nel genovese. Fino a questo momento, tale situazione si è protratta fino ad oggi, ma sarà destinata ad un peggioramento già dalle prossime ore, come vedremo nel presente editoriale.

    Stop all’incremento termico al nord

    Nonostante la persistenza di condizioni meteo tutto sommato relativamente stabili, si può osservare sulle regioni nordoccidentali la presenza di un tappeto nuvoloso molto compatto e talvolta minaccioso di pioggia. Non a caso, il peggioramento, come vedremo nel prossimo paragrafo, inizierà ad interessare l’Italia proprio a partire da questi settori. La saccatura che fino a ieri ha interessato la Penisola iberica gioca un ruolo fondamentale in questo: essa si appresta infatti ad abbandonarla per raggiungere lo stivale, così che il primo ingresso di correnti più fresche ad alta quota hanno determinato uno stop all’incremento termico al nord, mentre al centro-sud i valori sono stazionari o in lieve e ulteriore aumento. PER LE PREVISIONI METEO DELLA VOSTRA CITTA’, CONSULTATE IL NOSTRO SITO.

    Nelle prossime ore primo peggioramento sulle regioni nordoccidentali

    Tuttavia, una sempre maggior invadenza delle correnti atlantiche sul Mediterraneo centro-occidentale, determineranno un primo cedimento della struttura anticiclonica che fino ad oggi ha interessato interamente il nostro territorio nazionale, con un conseguente peggioramento delle condizioni meteo che sarà evidente soprattutto sulle regioni nordoccidentali con l’arrivo delle prime piogge. Le precipitazioni si concentreranno soprattutto a partire dalla serata su Valle d’Aosta e alto Piemonte, ma non mancheranno dei brevi piovaschi localizzati anche sulla Liguria, stando ai principali centri di calcolo.

  • Ancora asciutto altrove, ma tempo destinato a peggiorare ulteriormente nella giornata di domani

    Mentre dunque le regioni nordoccidentali saranno alle prese con i primi disturbi di maltempo generati dalla progressione della saccatura di origine atlantica verso lo stivale, la rimanente porzione del nostro Paese (quella nettamente maggioritaria) osserverà ancora condizioni di relativa stabilità, in attesa di un peggioramento che arriverà comunque nei prossimi giorni ed interesserà, come vedremo in seguito, l’intero territorio peninsulare.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: