Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Martedì 13 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Residuo MALTEMPO in arrivo in ITALIA con ACQUAZZONI, poi CALDO AFRICANO, tutti i dettagli

METEO - MALTEMPO residuo per domani al sud, poi torna l'ANTICICLONE: CALDO AFRICANO con picchi fino a +38°C, anche se persiste qualche TEMPORALE, vediamo dove

Torna l'estate a partire da lunedì
1 di 3
  • Anche oggi maltempo al centro-sud

    Anche quest’oggi le condizioni meteo risultano piuttosto perturbate soprattutto sulle regioni centro-meridionali dove, a seguito di una mattinata non proprio limpidissima con acquazzoni brevi e occasionali lungo i settori costieri soprattutto adriatici, nel corso di questo pomeriggio spiccato e lo sviluppo di temporali termoconvettivi lungo non solo la dorsale appenninica centro-meridionale, ma anche nelle zone interne della Sicilia, già duramente colpita dal maltempo nei passati giorni. Questo a causa della presenza di una goccia fredda semistazionaria sull’Europa centro-orientale che è responsabile anche di un generale contenimento delle temperature all’interno della media del periodo

    Più stabile al nord, residuo maltempo in Friuli

    A seguito del residuo maltempo che ha interessato la Liguria nel corso della nottata e della prima mattinata odierna, le condizioni meteo risultano decisamente più stabili sulle regioni settentrionali rispetto a quanto rinvenuto nei passati giorni, con acquazzoni e occasionali temporali persistenti ancora in Friuli, destinati comunque a dissolversi entro la serata subentrante. Nonostante la presenza di ampi sprazzi soleggiati al nord Italia (eccezion fatta per l’appunto per le regioni del Triveneto), le temperature risultano comunque “fresche” se relazionate al periodo che stiamo vivendo.

    Residua instabilità al sud per domani

    A partire dalla giornata di domani domenica 19 luglio la goccia fredda più volte menzionata nel presente editoriale subirà un primo allontanamento verso il settore balcanico e i Paesi europei più orientali a causa di una nuova spinta dell’Alta pressione di matrice nordafricana che si prepara nuovamente ad avvolgere la nostra Penisola. La variazione del campo sinottico appena illustrata determinerà condizioni di residuo maltempo soprattutto nella prima parte di giornata sulla Sicilia e sulla Calabria jonica, mentre sarà più stabile nel resto del Paese, dove i cieli saranno addirittura soleggiati.

  • Primo aumento termico per domani, ma il caldo africano arriverà solo da lunedì

    Il miglioramento delle condizioni meteo previsto per domani sarà coadiuvato da un primo aumento delle temperature che tuttavia continueranno ad oscillare intorno alla media del periodo o lievemente oltre. Il caldo africano infatti tornerà ad interessare l’Italia solamente a partire da lunedì 20 luglio con il definitivo abbandono delle correnti di maltempo e tempo che risulterà stabile pressoché ovunque eccezion fatta per qualche occasionale disturbo sull’estremo nordest.

  • Anticiclone sì, ma non sarà stabile ovunque

    Continueranno ad essere sempre più evidenti con il passar dei giorni sulle regioni nordorientali gli effetti di un flusso atlantico che nonostante tutto scorrerà ancora a latitudini fin troppo basse per il periodo e che quindi recherà qualche disturbo temporalesco nelle ore pomeridiane soprattutto sul Trentino Alto Adige e bellunese. Sul resto d’Italia persisterà il bel tempo con picchi di temperature che arriveranno a raggiungere i +38°C in Pianura Padana e nelle zone interne del foggiano.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: