Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 21 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Sembra NEVE, ma non lo è: SUPER GRANDINATA colpisce Chioggia: CROLLO TERMICO e DISAGI, VIDEO

METEO - Una GRANDINATA ECCEZIONALE ha colpito quest'oggi la città di Chioggia: strade e tetti IMBIANCATI, scenario INVERNALE. CROLLO TERMICO e diversi DISAGI, ecco il VIDEO

Grandine, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Forte maltempo sull’Italia anche oggi

    Anche quest’oggi ci troviamo a commentare una fase di inarrestabile maltempo che fin dagli inizi di questa settimana ormai destinata a concludersi sta interessando più parti d’Italia. Erano mesi e forse anni che non si vedeva un peggioramento così degno di nota che abbracciasse gran parte del territorio nazionale da nord a sud. In particolare l’instabilità fino a questo momento ha colpito soprattutto le regioni centrali e parte del sud, ma nelle prossime ore è attesa un ulteriore estensione delle piogge e dei temporali. I primi danni e disagi da maltempo si sono segnalati quest’oggi sulla Sardegna.

    Prossime ore spostamento del fronte freddo verso sud, minimo depressionario in Adriatico

    Nel corso delle prossime ore il fronte di maltempo si dividerà esattamente in due: mentre infatti il fronte freddo finirà di attraversare l’Italia raggiungendo le regioni meridionali, il minimo depressionario che si è originato sul Mar Tirreno si sposterà verso est/nordest, posizionandosi nel Mar Adriatico. Ciò dunque porterà un peggioramento sul Triveneto, sulla Romagna e anche su parte dell’Emilia orientale, ma l’instabilità colpirà anche le restanti regioni del meridione e dunque la Puglia, la Sicilia e la Calabria. E’ soprattutto in quest’ultima che sono attesi fenomeni a tratti intensi.

    Violenta grandinata su Chioggia, scenario mozzafiato

    Dopo il violento nubifragio che ha portato diversi danni e disagi a Bosa in Sardegna, come scritto già in precedenza e dopo il maltempo estremo che ha causato diversi danni e persino una vittima al nord Italia venerdì, l’instabilità ha quest’oggi colpito anche parte delle regioni nordorientali, in particolare il veneziano, con piogge accompagnate occasionalmente da attività temporalesca e da fenomeni grandinigeni. Un violento rovescio di grandine ha in particolare coinvolto la città di Chioggia, imbiancando strade e tetti e regalando così uno scenario mozzafiato e tipicamente invernale. Tanto che alcuni hanno scambiato l’accumulo di grandine per un accumulo di neve, cosa che non è.

  • VIDEO – Crollo termico e diversi disagi

    Ovviamente il deposito di grandine sul suolo della città di Chioggia non ha potuto far altro che arrecare diversi disagi che si sono inevitabilmente ripercossi sulla viabilità non solo automobilistica ma anche pedonale, rendendo momentaneamente i marciapiedi inutilizzabili. In pochi minuti la grandinata ha causato un crollo termico incredibile, con la colonnina di mercurio che è arrivata a raggiungere in poco tempo i +11°C in pieno giorno e quando siamo solo alla fine di settembre. A testimonianza di quanto scritto fin ora, vi riportiamo un video del canale Youtube “chioggiaazzurra“.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: