Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 7 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – SFURIATA di TEMPORALI e GRANDINATE in arrivo su COSTE e PIANURE nelle PROSSIME ORE, ecco le ZONE COLPITE

METEO - Blanda circolazione depressionaria insiste sull'ITALIA ed è responsabile della formazione di TEMPORALI e GRANDINATE talvolta anche violenti e in sconfinamento verso COSTE e PIANURE nelle PROSSIME ORE, ecco le ZONE COLPITE

Temporale, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Il maltempo continua a sferzare sull’Italia

    Nonostante la saccatura di origine atlantica responsabile di un’ondata di maltempo che ha investito interamente la nostra Penisola sia ormai traslata verso oriente posizionandosi sulla Penisola balcanica, sullo stivale si verifica comunque lo sviluppo dell’instabilità soprattutto nelle ore pomeridiane. Questo poiché l’affluenza di correnti provenienti dai quadranti nordorientali e dunque proprio dalla saccatura di cui prima (ora isolata a goccia fredda) favoriscono ancora la formazione di temporali e occasionali grandinate sulle regioni meridionali dell’Italia. Situazione che, peraltro, abbiamo ritrovato già dalla giornata di ieri.

    Blanda circolazione depressionaria al sud, abbastanza da provocare danni e disagi

    Dunque sulle regioni meridionali insiste la presenza di una blanda circolazione depressionaria innescata dallo scorrimento di correnti più fresche e umide provenienti dai quadranti nordorientali e di origine atlantica. Tuttavia, per quanto blanda essa possa essere, non manca di portare lo sviluppo di temporali che talvolta hanno colpito (e stanno colpendo, come vedremo successivamente) in maniera violenta alcune aree del meridione, a tal punto da provocare disagi e danni. Quest’ultimi infatti sono stati segnalati nella città di Taranto nella serata di ieri, a seguito di un violento nubifragio.

    Temporali attivi sull’Appennino meridionale

    A seguito di qualche acquazzone e temporale che ha interessato nel corso della notte alcune zone della Sicilia e della Calabria tirrenica, il meridione torna ad essere interessato dal maltempo nel corso di questo pomeriggio, con lo sviluppo di temporali anche violenti che stanno negli ultimi minuti interessando l’Appennino meridionale e più nello specifico quello lucano al confine con la Puglia. Parziale coinvolgimento anche dal subappennino dauno. Stando ai principali centri di calcolo, nelle prossime ore l’instabilità è destinata a diffondersi e colpire anche coste e pianure, vediamo precisamente le zone colpite.

  • Forte maltempo in Calabria, occhio alla costa tirrenica

    Nelle prossime ore stando dunque a ciò che mostrano i principali centri di calcolo, l’instabilità potrebbe scoppiare anche in Calabria, in particolare nelle zone interne per poi estendersi successivamente verso le coste tirreniche. Il maltempo qui potrebbe essere alimentato dalle correnti provenienti dai quadranti nordorientali, grazie alle quali gli acquazzoni potrebbero localmente avere vita finanche alla tarda serata. Temporali in estensione anche verso la costa del Cilento e Maratea.

  • Persistente bel tempo al centro-nord con temperature in aumento

    Le condizioni meteo appaiono invece decisamente migliori sulle regioni centro-settentrionali, dove la nuova spinta da parte dell’Anticiclone afroazzorriano dai quadranti sudoccidentali ha determinato fin dalla giornata di ieri ampi tratti di cielo sereno, con maggiore nuvolosità sulle regioni centrali in un contesto comunque generalmente stabile e asciutto. Le temperature peraltro sono in lieve, ma costante aumento sia nei valori minimi che in quelli massimi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: