Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 20 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Situazione PARADOSSALE con ANTICICLONE ma violenti TEMPORALI in arrivo, ecco tutti i dettagli

METEO - Che PARADOSSO in ITALIA per la PROSSIMA SETTIMANA! Torna l'ANTICICLONE, ma alcune zone verranno interessate da violenti TEMPORALI, ecco quali e perché

METEO – Situazione PARADOSSALE con ANTICICLONE ma violenti TEMPORALI in arrivo, ecco tutti i dettagli
Shelf cloud, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • Bel tempo in gran parte del Paese

    Nella giornata odierna una nuova spinta dell’Anticiclone afroazzorriano che momentaneamente riveste gran parte dei Paesi europei centro-occidentali, sta interessando anche la nostra Penisola garantendo condizioni di prevalente bel tempo accompagnato da cieli in prevalenza sereni o poco nuvolosi, soprattutto sulle regioni centro-settentrionali, come avevamo anche approfondito in un editoriale nella giornata di ieri. Tuttavia, malgrado la stabilità la faccia da padrona sul territorio italiano peninsulare, qualche disturbo sta momentaneamente interessando la Sicilia, come vedremo.

    Sicilia nel mirino del maltempo

    Dunque, se non per qualche temporale estremamente localizzato nelle zone interne della Calabria, l’instabilità colpisce unicamente la Sicilia quest’oggi, dove persiste della residua circolazione depressionaria capace di innescare fenomeni già dalla tarda mattinata. I temporali, che stanno interessando soprattutto le aree del ragusano e del siracusano e che si stanno estendendo in questi minuti sul trapanese e l’agrigentino interni, oltre che nel nisseno, risultano a tratti anche intensi e localmente a carattere di nubifragio. Nei passati giorni il duro maltempo aveva già colpito la Sicilia tirrenica, provocando diversi disagi.

    Nei prossimi giorni Anticiclone dominante nel quadro sinottico del Mediterraneo

    Nei prossimi giorni le condizioni meteo all’interno della nostra Penisola rimarranno in prevalenza stabili e asciutte grazie proprio al persistere di una campana anticiclonica di matrice afroazzorriana che tuttavia non sarà esente da disturbi secondari ad opera di correnti più fresche ed umide ad alta quota. Pertanto, anche se la stragrande maggioranza del territorio nazionale rimarrà sotto gli effetti dell’Alta pressione con temperature anche tutt’altro che autunnali, vi saranno alcune aree che avranno a che fare con lo sviluppo termoconvettivo di temporali, come vedremo nel prossimo paragrafo.

  • Appennino centro-meridionale a rischio temporali

    I disturbi apportati dalla presenza di correnti più fresche ed umide ad alta quota saranno sempre maggiori di giorno in giorno e pertanto l’instabilità termoconvettiva (in sviluppo dunque nelle ore pomeridiane) sarà via via più estesa, ma comunque relegata ai settori appenninici e, al massimo, subappenninici centro-meridionali. Tali temporali, seppur piuttosto localizzati, risulteranno occasionalmente intensi e addirittura a carattere di nubifragio.

  • Prosegue la stagione balneare per i settori costieri

    Mentre dunque nelle zone interne e centro-meridionali della nostra Penisola si avrà localmente a che fare con lo sviluppo di temporali termoconvettivi anche intensi, nei settori costieri è pressoché certo il proseguo della stagione balneare, con cieli spesso sereni o al più poco nuvolosi e temperature degne del pieno periodo estivo in molti casi. Tale situazione si ripeterà almeno fino a giovedì 17 settembre, successivamente l’evoluzione non appare ancora ben delineata.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: