Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 27 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – STRATWARMING nelle prossime settimane, GELO e NEVE in Europa con effetti anche in ITALIA?

METEO - STRATWARMING nelle prossime settimane, GELO e NEVE in Europa con effetti anche in ITALIA? E' ancora prematuro stabilirlo, ma salgono le quotazioni per un avvio di gennaio decisamente dinamico

METEO – STRATWARMING nelle prossime settimane, GELO e NEVE in Europa con effetti anche in ITALIA?
Gelo atteso sull'Europa nelle prossime settimane? immagine di repertorio fonte ANSA.
1 di 3
  • Meteo: fase invernale per le festività natalizie

    Meteo – Dopo una pausa mediamente stabile, salvo locali disturbi, e con temperature in lieve ripresa specie nei valori massimi, una nuova fase invernale potrebbe raggiungere il nostro Paese. Una saccatura dal nord Europa, infatti, è attesa sulle Nazioni centro-orientali europee nel corso della prossima settimana, con l’aria fredda che farà il suo ingresso sull’Italia proprio tra la festività di Natale e di Santo Stefano. Il tempo peggiorerà su tutta l’Italia, con fenomeni più diffusi in particolare al nordest e regioni centro-meridionali. Tornerà la neve anche abbondante lungo l’Appennino, specie centro-settentrionale, con fiocchi attesi sin verso le basse quote collinari del medio Adriatico, Emilia-Romagna e dell’Umbria.

    Stratwarming tra fine dicembre ed inizio di gennaio, ma di cosa si tratta?

    Meteo – Alcune proiezioni probabilistiche sono propense per uno stratwarming in grado di destabilizzare fortemente il vortice polare con l’avvio del mese di gennaio, sino a creare i presupposti per un possibile split. Ma di preciso, di cosa si tratta? Lo Stratwarming è un riscaldamento anomalo della stratosfera, dovuto ad un trasferimento dei flussi di energia dalle quote inferiori,  che in base alla sua intensità può essere definito Minor, a seguito di un aumento termico tra i 30 ed i 40°C, e Major quando l’aumento è ancora più intenso, tanto da avere in quest’ultimo caso ripercussioni anche sulla circolazione atmosferica a quote troposferiche. Infatti, non è raro osservare un’inversione della zonalità alle latitudini polari, portando ad uno split ( divisione del vortice polare) ed a un suo spostamento dalla sede naturale polare. Ondate di gelo intenso in questo caso andrebbero ad interessare le medie latitudini, con il freddo che potrebbe spingersi anche su nazioni poste a latitudini inferiori.

    Previsione modellistica,  Stratwarming confermato

    Meteo Nel corso degli ultimi giorni, le proiezioni modellistiche mostrerebbero un deciso aumento della temperatura in stratosfera proprio tra la fine di dicembre e l’avvio di gennaio. Attualmente è ancora prematuro stabilire l’effettiva entità del riscaldamento, quindi classificarlo Minor o Major, anche se molte proiezioni mostrerebbero un aumento piuttosto consistente, tanto da destabilizzare il vortice polare stratosferico. E’ altrettanto prematuro stabilire come reagirà il vortice polare alle quote troposferiche, quelle che poi tendono a caratterizzare le dinamiche meteorologiche che tutti i giorni osserviamo. Tuttavia salgono giorno dopo giorno le quotazioni per un avvio di gennaio all’insegna del clima invernale su molte Nazioni europee.

  • Gelo e neve in Europa ad inizio gennaio, attenzione anche all’Italia

    Va precisato come l’evento dello Stratwarming è ancora in fase iniziale e potrebbe raggiungere il suo apice solo nella prima parte del mese di gennaio; è ancora impossibile stabilire eventuali ripercussioni sul vortice polare, quindi su eventuali ondate fredde sull’Italia. Tuttavia i principali modelli a lungo termine, iniziano a delineare scenari decisamente invernali per l’Europa e l’Italia.  L’ultimo aggiornamento del modello europeo ECMWF, infatti,  intravede un avvio di gennaio all’insegna del freddo intenso e della neve; in particolare masse d’aria artico-continentali si estenderebbero dalla Siberia sin verso la Penisola Iberica, coinvolgendo anche l’Italia. Ricordiamo, tuttavia, che i warming stratosferici non sempre portano a ripercussioni anche ai livelli troposferici, è ancora prematuro stabilire come reagirà il vortice polare troposferico ed eventualmente anche l’esatta traiettoria che assumerà l’eventuale ondata di freddo. Rimanete quindi aggiornati con i prossimi editoriali.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Meteo  – Festività dal sapore invernale sull’Italia, seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Davide Gallicchio

Laureato in Fisica dell’Atmosfera e Meteorologia presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata, con una tesi di laurea sperimentale sull'evento meteorologico estremo che ha interessato l'Italia il 29 Ottobre del 2018, attualmente sto perfezionando la mia preparazione attraverso il corso di laurea magistrale in Atmospheric Science and Technology. Parallelamente al percorso di studi lavoro presso il Centro Meteo Italiano S.r.l come meteorologo, occupandomi anche della stesura di articoli meteo e comunicati per emittenti radiofoniche.

SEGUICI SU: