Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 16 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – Violento CICLONE MEDITERRANEO in formazione con venti fino a 200km/h: quali effetti in ITALIA?

METEO - Una DEPRESSIONE si potenzierà nelle PROSSIME ORE fino a divenire un CICLONE MEDITERRANEO a tutti gli effetti con venti fin sui 200km/h: traslerà sul Mare Jonio sfiorando l'ITALIA e portando qualche PIOGGIA o TEMPORALE, i dettagli

Vento, immagine di repertorio fonte Pixabay.
1 di 3
  • L’Autunno è la stagione degli uragani e…dei cicloni mediterranei!

    L’autunno è considerata la stagione degli uragani per eccellenza, ma negli ultimi anni diversi sono stati anche i cicloni mediterranei che si sono registrati durante il trimestre autunnale. Benché la stagione deve ancora iniziare astronomicamente parlando (l’equinozio avverrà quest’anno il 22 settembre) è da sottolineare come già diverse strutture tropicali imperversano negli Oceani. Nella giornata di oggi, se ne contano addirittura 7 nel solo Oceano Atlantico. Senza contare che nelle scorse settimane alcuni Paesi degli Stati Uniti hanno avuto già a che fare con un Uragano, l’Uragano Laura.

    Bel tempo in gran parte del Paese

    Le condizioni meteo all’interno della nostra Penisola appaiono in prevalenza stabili grazie alla massiccia presenza dell’Alta pressione di matrice afroazzorriana che abbraccia anche buona parte del continente europeo, soprattutto centrale dove peraltro si registrano le anomalie termiche positive più marcate. Tuttavia l’intrusione di correnti più umide e fresche ad alta quota determinano lo sviluppo di temporali termoconvettivi che stanno interessando l’Appennino centro-meridionale e le zone interne della Sicilia dove è vigente un’allerta meteo diramata ieri dal Dipartimento della Protezione Civile.

    Prossime ore depressione mediterranea in intensificazione

    Nelle prossime ore, stando ai principali centri di calcolo, una depressione mediterranea che si trova poco a nord delle coste nordafricane, nella sua risalita proprio lungo le tiepide acque del Mediterraneo subirà un’intensificazione, approfondendo il proprio centro di bassa pressione. Entro la giornata di domani mercoledì 16 settembre presenterà tutte le caratteristiche del ciclone mediterraneo, posizionandosi nel Mare Jonio e traslando poi verso oriente, acquisendo sempre più potenza con i venti che potranno raggiungere, attorno al minimo, anche i 200km/h nella giornata di venerdì 18, quando si appresterà a colpire la Grecia e in particolare il Peloponneso.

  • Quali effetti per l’Italia? Piogge e temporali su Calabria e Puglia joniche

    Stando alle attuali proiezioni il ciclone mediterraneo sfiorerà solamente la nostra Penisola traslando al largo delle coste joniche di un centinaio di chilometri almeno. Ciò comunque causerà qualche pioggia e temporale sulla Calabria e sulla Puglia joniche nel corso dei prossimi giorni e fino a venerdì 18 quando, come scritto in precedenza, a quel punto impatterà sulla Grecia. Attenzione però, poiché prevedere l’esatto percorso e la potenza di una struttura simil-tropicale è sempre molto difficile, pertanto seguiranno aggiornamenti nel corso del tempo che vi invitiamo a seguire sul nostro sito.

  • Non dimenticate di iscrivervi al nostro canale Youtube!

    Seguite, come sempre, tutti i prossimi aggiornamenti sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia per le prossime ore e i prossimi giorni sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: