Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 10 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – WEEKEND dalla DOPPIA FACCIA in ITALIA tra TEMPORALI e BEL TEMPO, i dettagli

METEO - WEEKEND suddiviso in due fasi sull'ITALIA: la prima vede la prevalenza del MALTEMPO, la seconda è nettamente più STABILE, ecco tutti i dettagli

Meteo weekend.
1 di 3
  • Temporali sull’Appennino abruzzese e lungo l’arco alpino

    A differenza di quanto riscontrato nel corso dei passati giorni le condizioni meteo all’interno della nostra Penisola appaiono oggi in peggioramento in alcuni settori del Paese a causa dell’ingresso di correnti più fresche e instabili di matrice atlantica e dunque provenienti da latitudini più settentrionali. Gli effetti di tali correnti sono piuttosto visibili lungo le zone alpine e prealpine e anche sull’Appennino abruzzese con lo sviluppo di temporali anche intensi e accompagnati occasionalmente da grandinate, come abbiamo approfondito all’interno di un apposito editoriale. E sul resto d’Italia?

    Persiste stabilità sul resto del Paese

    Sul resto dell’Italia si verificano ancora condizioni di persistente stabilità, con l’Anticiclone di matrice afroazzorriana ancora prevalente soprattutto sulle regioni centro-meridionali dove a prevalere sono comunque i cieli pressoché sereni o al più poco nuvolosi. Non a caso infatti, nonostante l’ingresso di correnti più fresche sull’estremo settentrione, nella giornata di oggi è possibile, al contrario, riscontrare un ulteriore e lieve aumento delle temperature sulle regioni del centro-sud e in Pianura Padana. Questo è dovuto principalmente al richiamo di massa d’aria più calda portato in atto dal moto ciclonico del cavo atlantico che interesserà più direttamente l’Italia a partire nella giornata di domani, come vedremo nel prossimo paragrafo.

    Al via il weekend con temporali e crollo termico nella prima fase

    Nella giornata di domani sabato 11 luglio dunque inizierà un weekend che nella prima fase risulterà piuttosto perturbato a causa dell’affondo rapido di un cavo atlantico al nord Italia. Ciò non innescherà la formazione di un minimo depressionario e pertanto l’instabilità verrà portata dal fronte freddo del peggioramento, aiutato nelle ore pomeridiane dall’energia solare che garantirà un’intensificazione dei fenomeni. Più precisamente, le regioni che avranno a che fare con il maltempo, come scritto all’interno di un apposito editoriale, saranno principalmente quelle del Triveneto e la Lombardia, ma verrà coinvolta anche l’Emilia-Romagna in un secondo momento e parzialmente anche le Marche.

  • Residua instabilità marchigiana nelle prime ore di domenica

    Nel corso delle prime ore di domenica 12 luglio residua instabilità potrebbe colpire le province più settentrionali delle Marche grazie al fronte perturbato in discesa da nordovest ma in scivolamento comunque verso la Penisola balcanica. Immediato sarà infatti il miglioramento delle condizioni meteo qui a causa di una nuova spinta dell’Alta pressione di origine afroazzorriana, che riporterà il bel tempo entro il pomeriggio su tutta Italia.

  • Domenica stabile e soleggiata quasi ovunque, eccezion fatta per l’Appennino abruzzese

    Una blanda circolazione secondaria proveniente dal settore balcanico sarà capace di innescare lo sviluppo di temporali ancora una volta sull’Appennino abruzzese nel corso del pomeriggio di domenica 12 luglio. I fenomeni saranno localmente intensi, ma comunque rapidi e le condizioni meteo in miglioramento verso sera. Tempo stabile e pressoché soleggiati o poco nuvoloso sul resto d’Italia, con un accenno ad un nuovo innalzamento delle temperature massime.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: