Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 14 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

METEO – WEEKEND tra il CALDO ROVENTE e i violenti TEMPORALI, ecco tutti i dettagli

Torna il forte maltempo
1 di 3
  • Temporali solo sull’estremo nordest

    In un contesto sinottico che vede l’Italia essere avvolta nella sua stragrande maggioranza dall’Alta pressione di matrice africana, va detto che poco più a nord delle Alpi continuano a scorrere correnti più fresche e umide di origine atlantica responsabili ancora di qualche disturbo temporalesco anche sulla nostra Penisola. In particolare, temporali isolati o a carattere sparso e talvolta intensi stanno interessando le zone più nordorientali del Paese, dove è valida per oggi anche un’allerta meteo diramata nella giornata di ieri dal Dipartimento di Protezione Civile. Le temperature risultano comunque abbastanza alte, in calo laddove il maltempo colpisce più direttamente.

    Ancora caldo nei prossimi giorni

    Se già da oggi accusate del disagio a sopportare l’ondata di calore in atto sull’Italia, non arrivano buone notizie dai principali centri di calcolo, secondo i quali i prossimi 3 giorni saranno più caldi di quello odierno. La giornata più calda più precisamente sarà quella di venerdì 31 luglio, quando le colonnine di mercurio in alcune zone del Paese e in particolare nelle pianure interne del Lazio, dell’Umbria, del foggiano e della Sardegna potranno raggiungere e superare i +40°C, con picchi fino a +41/+42°C. Altre zone del Paese avranno a che fare con valori fino a +40°C come il materano e localmente le pianure interne di Sicilia e Calabria.

    Nel weekend arrivano alcune novità

    Le ultime emissioni modellistiche dei principali centri di calcolo indicano un possibile ricambio d’aria in arrivo a partire dal prossimo fine settimana. In particolare il weekend si può distinguere in due fasi, una relativa alla giornata di sabato 1° agosto e l’altra alla giornata di domenica 2, come vedremo nei successivi paragrafi. Questo perché l’Anticiclone inizierà a mostrare i primi segnali di cedimento nei confronti di un nuovo tentativo di affondo di matrice atlantica che si completerà solo agli inizi della prossima settimana, come abbiamo approfondito maggiormente all’interno di un apposito editoriale. Andiamo dunque a vedere il dettaglio previsionale per il prossimo fine settimana.

  • Sabato Anticiclone prevalente, primi spifferi freschi dai quadranti orientali

    La giornata di sabato 1° agosto sarà senz’altro la più calda del prossimo fine settimana, caratterizzata ancora da picchi prossimi ai +40°C in alcune zone del Paese, soprattutto della Sardegna interna. Tuttavia ad alta quota si verifica l’ingresso blando di correnti più fresche, in grado di portare instabilità pomeridiana termoconvettiva lungo la catena appenninica e quella alpina, con violenti temporali comunque in dissolvimento in serata.

  • Domenica incursione atlantica dai quadranti settentrionali

    A partire invece dalla giornata di domenica 2 agosto, le condizioni meteo tenderanno visibilmente a peggiorare su buona parte delle regioni settentrionali, a causa di un incursione atlantica proveniente proprio da nord. Violenti temporali, accompagnati anche da grandinate potrebbero dunque tornare a caratterizzare il tempo del settentrione, con crollo delle temperature al passaggio delle precipitazioni. Sarà solo il preludio di un peggioramento causato da un affondo perturbato che si manifesterà appieno a partire dall’inizio della prossima settimana.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: