NanoPress

MODELLI METEO del 6 Febbraio 2019: prevale l’anticiclone, salvo rapidi peggioramenti

Pubblicato da Francesco Cibelli

Rapido peggioramento meteo poi di nuovo anticiclone sull'Europa secondo gli ultimi aggiornamenti dei modelli

Segnala
Rapido peggioramento del tempo a cavallo tra la prima e la seconda di febbraio - meteociel.frRapido peggioramento del tempo a cavallo tra la prima e la seconda di febbraio - meteociel.fr
  • Residue piogge al Sud, più sole altrove

    Il minimo di bassa pressione responsabile dell’intensa fase di maltempo sulle regioni meridionali d’Italia, si sposta ora verso la Grecia. Valori al suolo al momento intorno a 1010 hPa e correnti dai quadranti settentrionali o nord-orientali sulla nostra Penisola. Nelle prossime ore avremo ancora qualche pioggia al Sud ed in particolare su Basilicata, Calabria Ionica e Sicilia orientale. Non si avrà comunque il maltempo dei giorni scorsi che ha causato anche molti danni, come si può leggere nell’approfondimento dedicato del meteorologo Alessandro Allegrucci. Condizioni meteo in netto miglioramento altrove con sole prevalente al Centro-Nord. Da segnalare solo la formazione di qualche foschia o banco di nebbia sulla Pianura Padana specie durante le ore notturne. Gli ultimi aggiornamenti dei modelli meteo mostrano per i prossimi giorni tempo ancora stabile con il flusso atlantico in scorrimento sull’Europa centro-settentrionale e che riuscirà solo a lambire l’Italia.

    Possibile peggioramento dopo il weekend

    Tra Giovedì e Venerdì il flusso atlantico lambirà l’Italia settentrionale portando nuvolosità in transito ma senza fenomeni di rilievo associati. Più sole soprattutto al Sud Italia grazie all’estensione dell’anticiclone sul Mediterraneo. Gli aggiornamenti odierni dei modelli confermano poi la possibilità di un peggioramento per l’inizio della prossima settimana. Una maggiore ondulazione del flusso atlantico dovrebbe portare all’elevazione dell’anticiclone delle Azzorre verso le Isole Britanniche e alla discesa sul Mediterraneo centrale di una struttura depressionaria. Secondo il modello GFS, le cui mappe sono consultabili nella nostra sezione dedicata, il transito della perturbazione dovrebbe portare fenomeni su tutta la Penisola tra Lunedì 11 e Martedì 12 febbraio. Atteso anche un rapido calo delle temperature su valori in linea o anche poco sotto le medie del periodo. Evoluzione abbastanza simile anche per il modello Europeo ECMWF con una nuova espansione a seguire dell’anticiclone verso l’Europa occidentale.

  • Flusso zonale teso a febbraio o possibili incursioni da est?

    Mese di febbraio che sembra si stia orientando verso un ricompattamento del vortice polare, almeno sul comparto europeo, con una generale ripresa del flusso zonale. Fino alla fine della prima decade di febbraio le condizioni meteo sull’Italia saranno piuttosto stabili con solo qualche disturbo tra Giovedì e Venerdì per il transito di una piccola perturbazione atlantica sull’Europa centrale. A seguire nuova espansione dell’anticiclone sull’Europa occidentale con temperature anche di qualche grado sopra le medie del periodo. Per la seconda metà di febbraio l’evoluzione è assai incerta. Alcune uscite del modello europeoECMWF ipotizzavano addirittura una goccia fredda retrograda in arrivo da est sull’Europa. Anche il modello GFS con l’ultima uscita azzarda una simile ipotesi mostrando anche la formazione di un campo di alta pressione tra Scandinavia e Russia. Trattandosi ancora di tendenze meteo sul lungo periodo vi invitiamo come sempre a seguire tutti i prossimi aggiornamenti e ad iscrivervi al nostro canale youtube.

Iscriviti alla nostra newsletter

Francesco Cibelli

Sono appassionato di meteorologia da sempre, mi sono laureato in Fisica dell'Atmosfera e meteorologia all'università di Roma Tor Vergata entrando a far parte del team di CentroMeteoItaliano.it nel 2014 come meteorologo. Oltre che elaborare giornalmente previsioni meteo e bollettini mi occupo anche della gestione dei modelli di calcolo per l'atmosfera e per il mare. Sono un amante del freddo, della neve e in generale dei fenomeni più estremi.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter