Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 20 Ottobre
Scarica la nostra app
Segnala

Neve al nord Italia: intenso peggioramento e nevicate in arrivo su diverse regioni

Nevicate sino a quote prossime alla pianura tra Piemonte ed Emilia. Fonte: Eco di Bergamo
1 di 2
  • Neve al nord: intenso peggioramento che apporterà nevicate localmente sino in pianura

    Maltempo, venti intensi e freddo intenso

    Un nuovo peggioramento delle condizioni meteo è in atto sulla nostra penisola ed entro la giornata di domani porterà spiccata instabilità su diverse regioni centro-meridionali. Sta transitando infatti sull’Italia una perturbazione con piogge sparse su molte regioni ma che andranno a localizzarsi nel corso delle prossime ore principalmente tra il centro e il sud della penisola. Come mostrato anche dai modelli elaborati dal nostro centro di calcolo i fenomeni maggiori interesseranno proprio queste zone della penisola e, dalla giornata di domani è previsto anche un generale calo delle temperature soprattutto al nord Italia e parte delle regioni centrali, dove affluirà dell’aria più fredda e secca da est. Questo sarà l’inizio di quello che potrebbe poi accadere a partire dalla prossima settimana, esattamente da mercoledì 23 gennaio 2019, quando nevicate potrebbero interessare gran parte del nord Italia, in particolar modo i settori occidentali.

    Neve sino in pianura, ecco dove

    La terza decade di gennaio si aprirà dunque con piogge sparse e neve a quote medio basse sulla nostra Penisola. Sorprendente però sarà quello che accadrà a partire da metà della prossima settimana, quando piogge, temporali, nevicate e venti forti interesseranno tutta la penisola. In seguito alla discesa di aria polare dalla valle del Rodano, si andrà a formare sull’Italia un profondo vortice ciclonico (fino a 980 hpa), il quale determinerà violente precipitazioni e tanta neve a quote anche basse. Le regioni che risentiranno maggiormente di freddo e neve saranno quelle centrali e settentrionali del Paese, dove le nevicate potrebbero arrivare anche sulle pianure. Il sud invece avrà un clima generalmente meno freddo, con temperature di poco sotto la media, ma con venti molto intensi, superiori ai 100 km/h nei mari e precipitazioni molto abbondanti, nevose in appennino a quote medie.

  • Freddo e neve in arrivo. Prossima settimana invernale

    L’impianto generale ad ora sembra confermato dai entrambi i principali modelli, GFS ed ECMWF, con aria di origine polare che dovrebbe scendere sull’Europa occidentale tuffandosi nel Mediterraneo attraverso la porta del Rodano. Restano delle differenze col seguire dei giorni ma la neve dovrebbe essere garantita su molte regioni italiane. Si comincerà nella notte tra martedì e mercoledì quando le regioni di nord-ovest potrebbero sperimentare le prime nevicate sino a quote pianeggianti. Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia ed ovest Emilia dovrebbero vedere nevicate con accumuli al suolo deboli o moderati. Il Piemonte, ad ora, resta la regione maggiormente interessata dai fenomeni ma per i dettagli precisi sulla localizzazione dei fenomeni è ancora presto. Tutta la regione dovrebbe comunque vedere delle nevicate, che andranno ad interessare diverse città della regione tra cui Torino. Nevicate più deboli possibili anche sull’ovest della Lombardia e in Liguria. Non è escluso che nevicate potrebbero arrivare anche a Genova città, interessata da tramontana scura. Nella giornata successiva la regione che dovrebbe vedere maggiori nevicate dovrebbe essere l’Emilia Romagna, compresa la città di Bologna, ma ne riparleremo meglio. La cosa certa è che è in arrivo una fase invernale con diverse nevicate. Vi invitiamo dunque a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, dove vi invitiamo ad iscrivervi.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU: