Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 9 Luglio
Scarica la nostra app
Segnala

PREVISIONI METEO – Violenti TEMPORALI e CROLLO TERMICO pronti a colpire l’ITALIA, ecco quando e dove

PREVISIONI METEO - Un rapido e blando CAVO ATLANTICO punta il nord ITALIA portando violenti TEMPORALI e CROLLO TERMICO al passaggio dei fenomeni, ecco dove di preciso

Gran caldo poi possibile perturbazione atlantica
1 di 3
  • Bel tempo prevalente in Italia, ma con alcune eccezioni

    Le condizioni meteo all’interno della nostra Penisola appaiono in prevalenza stabili soprattutto lungo le regioni meridionali, caratterizzate interamente dal sole e dalle temperature anche piuttosto elevate, con picchi fino a +36°C nelle zone interne della Calabria. La situazione non si presenta di molto diversa, seppur con le dovute eccezioni, lungo le regioni centro-settentrionali, con temperature anche fino a +33/+34°C nelle pianure interne e in Pianura Padana. Le correnti più fresche e umide in scorrimento sui bordi dell’Alta pressione di origine africana, sono però responsabili di alcune note di maltempo sulla nostra Penisola, vediamo dove.

    Temporali sull’arco alpino e sull’Appennino abruzzese

    Nel corso di questo pomeriggio ancora una volta si è verificata della convezione sull’arco alpino a causa di un flusso atlantico nettamente più sbilanciato verso il continente europeo e responsabile dello scorrimento di correnti umide e più fresche appena oltralpe. Tali temporali hanno iniziato ad interessare localmente i rilievi montuosi di confine tra il Veneto ed il Trentino Alto Adige, ma con il trascorrere delle ore si stanno estendendo, in forma sempre piuttosto localizzata, sul resto del settore alpino. Novità inedita della giornata odierna invece sono i temporali sull’Appennino abruzzese, nei giorni scorsi a secco nonostante una cumulogenesi spiccata. Per scoprire l’evoluzione delle prossime ore in queste zone consultate il nostro sito.

    Domani peggioramento sulle regioni nordorientali

    Nella giornata di domani lunedì 29 giugno l’evoluzione a scala sinottica vede una vasta saccatura di matrice nordatlantica dominata da un profondo centro di bassa pressione di circa 990hPa sito sulle aree più settentrionali dell’Inghilterra affondare verso l’Europa centrale e lambire la nostra Penisola. Si tratterà dunque in breve di un cavo atlantico in rapido passaggio sulle zone più settentrionali del Paese, che favorirebbe il ritorno del maltempo sull’Italia e in particolare sulle aree nordorientali del Paese, con i temporali che potranno risultare talvolta anche localmente violenti.

  • Crollo termico nelle aree colpite dal maltempo

    Il crollo termico al quale abbiamo fatto riferimento nel titolo del presente editoriale chiaramente interesserà nella giornata di domani lunedì 29 giugno le sole aree colpite dal maltempo e dunque quelle orientali: più nello specifico il Trentino Alto Adige, l’alto Veneto e il Friuli Venezia Giulia. Il calo delle temperature sarà tanto più sensibile quanto più intensi saranno i fenomeni. Si tratterà di un veloce fronte perturbato con condizioni meteo in miglioramento già dalla serata.

  • Nel resto d’Italia temperature stazionarie o in locale aumento, migliora sull’Appennino

    Nel resto del Paese invece persisteranno condizioni meteo di stabilità anche sull’Appennino abruzzese oggi bersagliato dalla formazione di temporali termoconvettivi. Tali condizioni di bel tempo saranno peraltro accompagnate da clima decisamente estivo grazie a temperature che rimarranno stazionarie o in locale aumento, possibile soprattutto sulle zone del medio-basso versante adriatico, come abbiamo approfondito all’interno di un apposito editoriale.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Salvatore Russo

Sono un appassionato di meteorologia fin da quando ero poco più che un bambino, diplomato al Liceo Scientifico nel 2017 sto affrontando gli studi di Ingegneria Informatica all'Università di Roma Tre. Durante questi anni ho gestito diverse pagine Facebook riguardanti la meteorologia, facendo inoltre l'articolista a livello amatoriale di un portale meteo. Sono amante del clima mite, ma vado pazzo per i fenomeni estremi e per la neve, principale causa della mia passione.

SEGUICI SU: