Martedì 20 Agosto
Scarica la nostra app
Segnala

Temperature: aumento sensibile nelle prossime ore

Temperature: aumento sensibile in alcune regioni italiane

Temperature in aumento: ecco dove i picchi più alti. Fonte: valseriananews.it
1 di 2
  • Il maltempo concede una tregua all’Italia con l’anticiclone protagonista

    La stabilità è tornata ad essere protagonista sull’Italia nelle ultime ore, grazie all’allontanamento del minimo responsabile del maltempo intenso dei giorni scorsi verso il Mediterraneo sud-orientale. La situazione, come possibile osservare anche dai modelli elaborati dal nostro centro di calcolo resta stabile, apparte il transito di nuvolosità innocua al centro-nord e lungo il Tirreno. Attenzione solamente a qualche banco di nebbia specie sulla Pianura Padana e nelle vallate del centro Italia. Le temperature tra oggi e domani aumenteranno notevolmente nei valori massimi soprattutto al sud della penisola.

    Temperature oltre la media

    Le temperature tra la giornata odierna e quella di domani si porteranno al di sopra della media su tutta la penisola, in particolare al centro e al meridione, dove non sono da escludere picchi termici vicini ai 20 gradi, soprattutto sulle isole. Temperature primaverili anche sul medio versante tirrenico con picchi localmente superiori ai 16-17 gradi, valori leggermente inferiori in Adriatico e al nord Italia, soprattutto al nord-ovest dove nel fine settimana saranno possibili anche delle piogge. L’aumento termico sarà temporaneo e tra domenica e l’inizio della prossima settimana i valori torneranno a scendere sino a portarsi entro le medie stagionali.

  • Svolta instabile e fredda?

    Sempre nella prossima settimana, verso la metà, le temperature dovrebbero scendere ulteriormente e portarsi al di sotto della media stagionale, uno sbalzo anche di 10-15 gradi rispetto ai valori previsti per le prossime ore. Volgendo lo sguardo alla seconda parte della prossima settimana, è possibile che l’inverno torni ad alzare la voce anche sull’Italia e dell’aria fredda da est si muoverà verso di noi e l’Europa centrale. I modelli GFS e ECMWF non sono ancora prettamente concordi nell’individuare l’esatta collocazione della massa d’aria gelida e nei prossimi giorni saremo sicuramente più precisi. La cosa certa è che dopo il peggioramento di inizio settimana, si avrà un calo termico sensibile che interesserà soprattutto il versante adriatico della penisola. Vi invitiamo comunque a seguire tutti i prossimi aggiornamenti sia sul nostro sito che sul nostro canale Youtube, per rimanere sempre informati sull’evoluzione della situazione meteo sull’Italia nei prossimi giorni e sulla possibile ondata di freddo in arrivo dalla metà della prossima settimana.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.