Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Sabato 19 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

Coronavirus, focolaio nella Rsa di Greve in Chianti (Firenze): in tutto sono 39 i positivi

Coronavirus, nuovo focolaio nella Rsa del fiorentino in Toscana: salgono a 39 le persone positive

Coronavirus, focolaio nella Rsa di Greve in Chianti (Firenze): in tutto sono 39 i positivi
Immagine repertorio, fonte Ansa
1 di 2
  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Rsa in Toscana

    L’Italia sta continuando la lotta contro il virus, davvero tanti i paesi europei alle prese con restrizioni o nuovi lockdown ma al momento nella nostra penisola la situazione è migliore. Molti i focolai da nord a sud e ogni giorno i positivi sembrano crescere sempre più, superando anche la soglia dei 4000 casi: la situazione è ancora sotto controllo, soprattutto se si guarda agli altri stati europei, ma le autorità sanitarie sono preoccupate per il possibile aumento dei contagi con l’arrivo del “primo freddo” e per la possibile mimetizzazione del virus con l’ormai prossima influenza stagionale. Nel frattempo, come detto, proseguono i focolai e con il passare dei giorni ne vengono individuati dei nuovi. come ad esempio accaduto in Toscana, nel fiorentino. Un nuovo focolaio si è sviluppato nella Rsa di Greve in Chianti, vediamo quanto accaduto. POSITIVI AL POLICLINICO DI CATANIA, CHIUSI ALCUNI REPARTI

    Focolaio in una Rsa nel fiorentino: 39 i positivi

    Nuovo focolaio all’interno di una Rsa, questa volta in Toscana nella provincia di Firenze. Secondo quanto riportato da lanazione.it, un nuovo focolaio, per un totale di 39 positivi, è stato individuato in una Rsa in Toscana.  Già nelle ultime 36 ore erano stati individuati 15 positivi ma a questi se ne sono aggiunti altri 24 casi di contagio nella Rsa ‘Rosa Libri’ di Greve in Chianti. Complessivamente, riferisce il Comune, sono 39 gli anziani positivi al Covid19 su 52 ospiti totali. “Le condizioni degli anziani sintomatici sono costantemente monitorate, queste le parole rassicuranti del sindaco Paolo Sottani. Inoltre, la maggior parte di queste persone non presenta particolari sintomi. Proseguono nel frattempo le misure di messa in sicurezza e la situazione, anche se preoccupante proprio a causa dell’aumento dei contagi, resta ancora sotto controllo.

    Coronavirus, due focolai in ospedale nel varesotto: 24 i positivi

    Cambiamo zona, spostiamoci al nord ma continuiamo a parlare di nuovi focolai. Due sono stati individuati all’interno degli ospedali, Angera e Luino. Nell’ospedale di Angera il contagio è partito dalla radiologia e in tutto sono 8 le persone risultate positive. Attivate immediatamente le procedure di trasferimento e i pazienti sono stati spostati in altro ospedale. Altro focolaio anche all’ospedale di Luino dove si è registrato inizialmente un contagio: un dipendente in servizio nel blocco operatorio ha manifestato sintomi che hanno fatto pensare subito al virus. Sottoposto a tampone, è risultato infatti positivo. Immediatamente è stato attivato uno screening che nel giro di un giorno ha portato all’individuazione di altri 15 contagi, tutti asintomatici, per un totale di 16.  Leggi anche Coronavirus, a metà ottobre arriverà un nuovo Dpcm: ecco cosa potrebbe prevedere

  • Coronavirus in Italia, il bollettino

    Balzo avanti dei contagi, nella giornata di giovedì 8 ottobre 2020 ben 4.458 nuovi casi di Coronavirus, in crescita rispetto ai 3.678 di ieri. 128.098 i tamponi effettuati. In calo i decessi: 22, contro i 31 di ieri. 65.952 le persone attualmente positive: di queste 3.925 (+143) sono tuttora ricoverate in ospedale con sintomi, 358 in terapia intensiva (+21). Campania, Lombardia e Veneto le regioni che hanno visto i maggiori incrementi.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.

SEGUICI SU: