Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 24 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

Coronavirus, in Umbria, a Gualdo Tadino, arriva l’ordinanza più restrittiva d’Italia in vista del Natale: ecco cosa prevede

Coronavirus, in Umbria una delle ordinanza più severe d'Italia. Ecco quanto stabilito nel comune di Gualdo Tadino

Coronavirus, in Umbria, a Gualdo Tadino, arriva l’ordinanza più restrittiva d’Italia in vista del Natale: ecco cosa prevede
Fonte immagine Pixabay
1 di 3
  • Coronavirus, ordinanza restrittiva in Umbria

    L’Italia continua la lotta contro il virus e ancora in queste ore si susseguono le ordinanze in diverse città e comuni italiani. In Umbria, è Gualdo Tadino, il comune con l’ordinanza più restrittiva d’Italia. Il primo cittadino, Massimiliano Presciutti ha emanato un provvedimento choc che appare in contrasto con la linea regionale. L’Umbria è, infatti zona gialla, ma l’aumento del numero dei casi nel piccolo comune ha reso indispensabile il coprifuoco già dalle 16 con piazze e vie del centro chiuse. Il provvedimento del sindaco Presciutti impone oltre al divieto di non mangiare e bere su aree pubbliche o nei pressi dei supermercati, anche un coprifuoco su tutto il territorio cittadino dalle ore 21.00 alle 6.00 del mattino. Leggi anche: CORONAVIRUS, NATALE CON PARECCHIE RESTRIZIONI

    L’ordinanza del sindaco Presciutti

    A Gualdo Tadino sono stati registrati 136 positivi, 4 decessi e 129 persone sono in isolamento, sono 7 invece, i ricoverati tra cui uno solo in terapia intensiva. I numeri sono abbastanza alti se si considera che nel comune risiedono circa 14.600 abitanti. Presciutti, soprannominato il De Luca dell’Umbria per la sua linea dura adattata con provvedimenti anticovid non ha esitato a dare rigide restrizioni ai cittadini fino al prossimo 10 gennaio. Gualdo Tadino quindi, pur non essendo un comune noto per l’intensa movida, ha una chiusura che coinvolge tutte le vie del centro storico già dalle 16.00. Ad essere inibite al passeggio sono Piazza Martiri e vicoli adiacenti; Piazza Garibaldi e vicoli adiacenti, Piazza Mazzini, Piazza Soprammuro, Piazza San Francesco e Corso Italia Largo Donatori di Sangue. Per quello che riguarda invece, le strade e le piazze escluse dal centro storico l’ordinanza prevede il coprifuoco dalle 22.00 alle 5.00 del mattino. Il comune pertanto chiude con un’ora di anticipo e riapre con un’ora di ritardo, rispetto a quanto previsto su tutto il territorio nazionale. Il sindaco Presciutti vuole infatti, evitare qualsiasi forma di assembramento e dare un segnale forte ai suoi concittadini invitandoli a comportamenti più attenti e responsabili. Leggi anche: EMILIANO, IL GOVERNO DECIDE PER LA ZONA ROSSA IN TUTTA ITALIA

    Gli spostamenti autorizzati nella zona rossa di Gualdo Tadino

    Gli esercizi commerciali restano però aperti, così come i servizi essenziali per il cittadino come le farmacie e gli ambulatori medici o le banche e gli uffici assicurativi. Gli abitanti di Gualdo Tadino, pertanto possono accedere anche alla zona rossa, se motivati da una necessità di lavoro, sanitaria o per rientrare presso le proprie abitazioni. La multa prevista in caso di violazione dell’ordinanza va dai 400 ai 3 mila euro. La chiusura dovrebbe abbassare la curva del contagio e consentire una ripresa delle attività dopo le feste. A risentirne è però l’economia del Paese. A Gualdo Tadino, come in tutta Italia si aspetta dunque, il vaccino l’unica strada per tornare alla normalità e riabbracciare amici e parenti. Di seguito riportiamo il bollettino sull’andamento dei contagi in Italia. Leggi anche: NUOVO ANNUNCIO DI CONTE, LE SUE DICHIARAZIONI

    CONTINUA A LEGGERE

  • Bollettino sull’andamento dei contagi

    Sulla base dei dati diffusi dal bollettino del Ministero della Salute, sono 17.572 i nuovi contagi di Covid-19 in Italia ieri (martedì 14.844), a fronte di 199.489 tamponi giornalieri effettuati, con il tasso di positività che scende all’8,8% (martedì era al 9,1%). I morti sono ben 680 in un giorno, mentre le terapie intensive scendono ancora a 2.926 (-77), con 191 nuovi ingressi nelle ultime 24 ore.

  • Le scuole riapriranno a gennaio 2021?

    Continua a far discutere il capitolo scuole ma il Presidente Conte ha rassicurato gli italiani sul fatto che sta lavorando alacremente e con grande impegno per fare in modo che, dal 7 gennaio, si possa procedere con la riapertura delle scuole e tornare in una sorta di normalità. Ulteriori dettagli verranno forniti dal Premier nel corso dei prossimi giorni.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Antonio Tringali

Chitarrista per hobby, coltivo da anni la passione per la scrittura e per i social network. La ricerca della verità, purchè animata da onestà intellettuale, è una delle mie sfide. Scrivo da diversi anni per alcuni siti di informazione che mi danno l'opportunità di dare sfogo alla mia grande passione innata per il giornalismo. Amo scrivere di politica, economia (adoro i testi di Stigliz e i saggi di Rampini), salute, attualità e sport. Spero di poterne fare un mestiere in grado di darmi stabilità e certezze. L'idea che ho della vita la condenso in una metafora tratta dal volley: se la vita ti pone davanti ad un muro, affrontalo con le mani alzate...

SEGUICI SU: