Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 21 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

Coronavirus e vaccino, il ministro della salute Speranza annuncia: “Prematuro parlare di obbligo di vaccinarsi”

Coronavirus, vaccino, il ministro della salute Speranza chiarisce: "Prematuro parlare di obbligo di vaccinarsi. La situazione

Coronavirus e vaccino, il ministro della salute  Speranza annuncia: “Prematuro parlare di obbligo di vaccinarsi”
Il ministro della Salute, Roberto Speranza (Foto: youtube)
1 di 3
  • Coronavirus, vaccino, il ministro della salute Speranza chiarisce: “Prematuro parlare di obbligo di vaccinarsi

    Con il COVID-19 che imperversa ancora in Europa e in Italia e con il bilancio delle vittime che si avvicina a 1 milione di persone in tutto il mondo, è necessario un vaccino sicuro ed efficace per fermare la diffusione della malattia e riavviare l’economia. Gli occhi di tutto il mondo sono puntati sull’industria farmaceutica e questo perché diverse aziende leader stanno facendo importanti passi avanti nello scoprire, testare e produrre un vaccino in tempi mai visti prima. Molti dei migliori scienziati del mondo sono concentrati su questo obiettivo. Ma cosa sappiamo sull’obbligatorietà o meno del vaccino? Coronavirus e scuola, è arrivata la nuova ordinanza per gli studenti con fragilità: ecco tutti i dettagli

    Vaccino obbligatorio o no?

    Roberto Speranza, il ministro della salute, fornisce ulteriori informazioni relative all’obbligatorietà del vaccino anti-Covid. In un intervento a Porta a Porta, ha affermato che l’obbligo a vaccinarsi e la discussione che ne deriva sono ancora premature, perché ancora è tutto in fase di programmazione. Quando il vaccino arriverà, infatti, il problema non sarà la sua obbligatorietà o la libertà dei cittadino di farlo o meno, ma “chi lo farà per primo”. Il problema, infatti, deriva dal fatto che nei primi mesi le dosi di vaccino a disposizione saranno assai limitate, si parla di due o tre milioni, per cui, il problema è decidere a chi somministrarlo. Coronavirus, Speranza annuncia novità sul vaccino: ecco tutti i dettagli

    La posizione del Governo

    La posizione del Governo italiano, al momento, è quella di mettere a disposizione le prime dosi del vaccino alle categorie più a rischio. In primis al personale sanitario, perché è più esposto al rischio e quindi ha più probabilità di ammalarsi. La seconda categoria a cui si è pensato di somministrare il vaccino è quella degli ospiti delle RSA. Il ministro Speranza, infatti, parlando di statistiche, ha affermato che il 5% degli operatori sanitari è esposto al rischio di contagio, mentre la percentuale riguardante il resto dei cittadini è del 2,5%. Quando ci saranno più dosi disponibili, si procederà a vaccinare le persone più anziane, soprattutto quelle che hanno patologie pregresse, condizione per la quale il rischio di sviluppare forme gravi di COVID-19 è più altro. Nuovo focolaio scoperto in un carcere di Palermo: positivi 23 agenti di polizia penitenziaria. Ecco cosa è successo

  • La corsa per il vaccino

    A proposito del vaccino, il ministro Speranza sottolinea che, si sta realizzando una corsa senza precedenti, che comunque ci porterà a raggiungere l’obiettivo. Il ministro ha sottolineato che sono diversi i vaccini in corsa per la fine della sperimentazione e la successiva autorizzazione, ma che qualunque compagnia sia, AstraZeneca o un’altra, la lotta contro il COVID-19 l’uomo la vincerà. Speranza però sottolinea che l’obiettivo è ottenere un vaccino nel più breve tempo possibile, ma non privo della giusta sicurezza per chi lo riceve, rimarcando il fatto che non verrà mai autorizzato un vaccino che non ha concluso tutti i passaggi in maniera puntuale e precisa.

  • Vaccino obbligatorio? Se ne riparlerà nel 2021

    Il ministro Speranza, tornando all’obbligatorietà o meno del vaccino, afferma che di questa se ne parlerà, eventualmente, alla fine del 2021, quando le dosi del vaccino saranno sicuramente disponibili per la maggioranza della popolazione.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Antonio Tringali

Chitarrista per hobby, coltivo da anni la passione per la scrittura e per i social network. La ricerca della verità, purchè animata da onestà intellettuale, è una delle mie sfide. Scrivo da diversi anni per alcuni siti di informazione che mi danno l'opportunità di dare sfogo alla mia grande passione innata per il giornalismo. Amo scrivere di politica, economia (adoro i testi di Stigliz e i saggi di Rampini), salute, attualità e sport. Spero di poterne fare un mestiere in grado di darmi stabilità e certezze. L'idea che ho della vita la condenso in una metafora tratta dal volley: se la vita ti pone davanti ad un muro, affrontalo con le mani alzate...

SEGUICI SU: