Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 24 Dicembre
Scarica la nostra app
Segnala

Covid-19, Conte annuncia: “Il piano natalizio va rinforzato. Dobbiamo scongiurare la terza ondata…”. Le parole del Premier

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha parlato delle misure che saranno adottate nel corso delle festività natalizie. Ecco le sue parole

Covid-19, Conte annuncia: “Il piano natalizio va rinforzato. Dobbiamo scongiurare la terza ondata…”. Le parole del Premier
Covid-19, Conte annuncia: "Il piano natalizio va rinforzato. Dobbiamo scongiurare la terza ondata...". Le parole del Premier. Fonte foto: ansa.it
1 di 3
  • Covid-19, occorre mantenere molto alta la soglia di attenzione

    Negli ultimi giorni in Italia la discesa della curva dei contagi sta vivendo un rallentamento e questo ha fatto scattare un campanello d’allarme. Per questo motivo, dunque, il Governo si prepara a varare un nuovo Dpcm contenente delle misure finalizzate a regolare il periodo delle festività natalizie, in modo da scongiurare una terza ondata di contagi che avrebbe delle ripercussioni molto pesanti sia sul lato sanitario che su quello dell’economia. Alle decisioni del Governo, però, dovrà accompagnarsi anche la responsabilità dei cittadini. Questi ultimi, infatti, saranno chiamati a seguire tutte le norme anti-contagio, quali ad esempio il rispetto del distanziamento sociale, il divieto di assembramento e l’obbligo di indossare la mascherina. COVID-19, NATALE E CAPODANNO CON L’ITALIA IN ZONA ROSSA: ECCO TUTTI I DETTAGLI

    Covid-19, Conte annuncia: “Il piano natalizio va rinforzato. Dobbiamo scongiurare la terza ondata…”

    Dunque, in questa fase risulta necessaria una nuova stretta per arginare il numero di contagi ed evitare di dover affrontare una terza ondata ad inizio 2021. A tal proposito, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha spiegato la situazione e – come riportato da “Adnkronos.it” – nel corso della registrazione “Accordi&Disaccordi” in onda questa sera sul Nove alle 21:25, ha dichiarato: “Occorre rinforzare il piano natalizio che abbiamo già definito, c’è stata un’ulteriore interlocuzione con gli esperti del Cts, anche loro ci hanno consigliato per scongiurare una terza ondata“. Il Premier ha poi aggiunto che allo stato attuale non c’è la certezza di dover affrontare una terza ondata, ma esiste la possibilità. BOCCIA: “FOLLE INGIUSTIFICABILI, MEGLIO UN LOCKDOWN ALLA TEDESCA”

    Covid-19, Conte sulla scuola: “C’è un grande lavoro di preparazione per tornare in presenza il 7 gennaio”

    Tra i temi maggiormente dibattuti in questa fase continua ad esserci quello relativo alla scuola. Allo stato attuale la ripresa delle attività scolastiche in presenza è fissata per il 7 gennaio 2021 ed il Governo sta lavorando per mantenere questa data valida sul calendario degli studenti. In tal senso – come riportato da “Adnkronos.it” – nel corso della registrazione “Accordi&Disaccordi” in onda questa sera sul Nove alle 21:25, Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha confermato: “C’è un grande lavoro di preparazione per tornare in presenza il 7 gennaio“. Nella pagina successiva potrete leggere altre importanti novità relative al nuovo Dpcm. CORONAVIRUS, ECCO QUANDO RIAPRIRANNO LE SCUOLE: TUTTI I DETTAGLI

    CONTINA A LEGGERE

  • Coronavirus, diversi Governatori vogliono la zona rossa a Natale: ecco tutti i dettagli

    Nelle scorse ore molti Governatori avrebbero chiesto al Governo misure più stringenti durante le feste di Natale. In tal senso – come riportato da “LaStampa.it” – il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia avrebbe richiesto misure da zone rossa per le festività natalizie e la sua posizione sarebbe condivisa anche dal Ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia e da quello della Salute Roberto Speranza. Inoltre, tale posizione troverebbe il favore dei Governatori di Lazio, Friuli Venezia Giulia, Molise e Marche. Entrando nello specifico – come si legge su “LaStampa.it” – il Governatore Zaia ha dichiarato: “Nel periodo delle festività natalizie servono restrizioni massime, se non le fa il Governo le facciamo noi. Se non chiudiamo tutto adesso ci ritroveremo a gennaio a ripartire con un plateau troppo alto

  • Coronavirus, dati aggiornati in Italia al 17 dicembre 2020

    Sulla base dei dati diffusi dalla Protezione Civile nella giornata di oggi, giovedì 17 dicembre 2020, in Italia i casi di persone attualmente contagiate da Coronavirus risultano essere 635.343. Le persone decedute dall’inizio dell’epidemia sono 67.220 (+683 rispetto a ieri), mentre i guariti/dimessi 1.203.814 (+27.913). Le persone ricoverate in terapia intensiva, invece, risultano essere 2.855 (-71). In generale, il totale dei casi è di 1.906.377 (+18.236 rispetto a ieri).

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.

SEGUICI SU: