Influenza 2018, perchè così tanti casi in questa stagione? / Sintomi, i rimedi e i consigli

Pubblicato da Valerio Fioretti

Segnala
  • Influenza 2018, pochi vaccinati, per questo tanti casi in questa stagione? Consigli e rimedi per affrontare il virus stagionale

    Benessere.Leonardo.it

    Influenza 2018, perchè così tanti casi in questa stagione? / Sintomi, rimedi e consigli

    Come mai in questa stagione i casi di influenza sono così tanti? I più colpiti sono i bambini più piccoli, ovvero quelli al di sotto dei 5 anni, poi quelli tra i 5 e 14 anni. Le morti correlate al virus fino ad ora comunicate, per tutte le fasce d’età, sono una trentina. Il Dipartimento di malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità spiega che la circolazione del virus è molto intensa, superiore alla pandemia del 2009-10 e paragonabile unicamente alla stagione 2004-05.

    Secondo Walter Ricciardi, presidente Iss, la diffusione dell’influenza quest’anno è superiore a quanto atteso. I motivi sarebbero due: il primo è che le coperture vaccinali sono state scarse negli anziani, negli operatori sanitari e negli italiani in generale. Il secondo è che circa il 60 per cento dei vaccini somministrati era trivalente e copriva tre ceppi: due di tipo A e uno di tipo B, cioè la nuova variante dell’H1N nota come Michigan, la variante Hong Kong per l’H3N2 e il ceppo Brisbane. Il vaccino quadrivalente, che dà copertura anche contro un quarto ceppo ( invece è stato somministrato nel 40 per cento dei casi) L’influenza 2017-2018 è più pesante del solito anche perché stanno prevalendo virus relativamente nuovi e con una maggiore capacità di diffusione, cioè lo Yamagata del ceppo B e anche il Michigan del ceppo A.[…]

  • Sintomi influenza e rimedi – I sintomi di questa forma influenzale, che sta colpendo tutte le regioni d’Italia, sono spesso improvvisi e si palesano con febbre molto alta, tosse, mal di gola, sintomi da raffreddamento, dolori alle articolazioni, riduzione dell’appetito e debolezza. Nei bambini sono stati notati frequenti casi di vomito e diarrea. Per contrastare i sintomi si può ricorrere ai farmaci o meno, a seconda della valutazione del medico di fiducia. Decisamente meglio fare a meno di antibiotici, a meno che il medico non li ritenga strettamente necessari qualora ravvisasse la presenza di infezioni batteriche. Il consiglio principale è quello di evitare colpi di freddo e rimanere a riposo. Bere molta acqua è un altro dei consigli preziosi per alleviare anche la tosse e reintegrare i sali minerali. Generalmente sono sufficienti tre-quattro giorni per la remissione della malattia, ma per evitare ricadute è sempre meglio attendere qualche giorno in più prima di uscire e tornare alla vita quotidiana. Se la febbre supera i 39°, l’uso di antipiretici è necessario per far abbassare la temperatura.

  • Freddo e neve per febbraio? Arriviamoci con cautela

    Cerca le previsioni meteo per la tua località

    A cura di Valerio Fioretti

Iscriviti alla nostra newsletter

Valerio Fioretti

Sono un meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo e montagna. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer..

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter