Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 26 Novembre
Scarica la nostra app
Segnala

La Regione Campania pensa all’obbligo di vaccinazione contro l’influenza per distinguerla dal Covid-19: ecco tutti i dettagli

La Regione Campania valuta l'obbligo di vaccinazione contro l'influenza per evitare che i sintomi tipicamente influenzali possano essere confusi con quelli da Covid-19

La Regione Campania pensa all’obbligo di vaccinazione contro l’influenza per distinguerla dal Covid-19: ecco tutti i dettagli
Foto Pixabay.com
1 di 2
  • Coronavirus, gli italiani e la loro lotta al Covid-19

    In questa fase dell’emergenza Coronavirus gli italiani sono chiamati ad avere un grande senso di responsabilità per evitare di incorrere in un nuovo aumento della curva dei contagi. Il periodo del lockdown, infatti, è terminato, sono riprese quasi tutte le attività ed è stata consentita la riapertura alle regioni con conseguente spostamento tra una regione e l’altra. Dunque, le parole d’ordine sono senso civico e rispetto delle regole da parte di tutti per non assistere di nuovo alle tante scene di dolore e di disperazione alle quali in questi mesi il Coronavirus ci ha tristemente abituato. Più osserveremo scrupolosamente tutte le direttive di sicurezza che ci sono state indicate, prima potremo riappropriarci di tutte le nostre attività e di tutti gli altri spazi di libertà.

    Coronavirus, la Regione Campania pensa all’obbligo di vaccinazione contro l’influenza

    Di certo, dal punto di vista dell’emergenza sanitaria il peggio in Italia sembra essere passato. Per questo motivo, dunque, molti sono già proiettati con la mente al prossimo autunno, quando alcuni virologi ipotizzano una possibile seconda ondata. In tal senso – come riportato da “Napoli.fanpage.it” – la Regione Campania va verso l’introduzione dell’obbligo di vaccinazione anti-influenzale nel mese di ottobre per evitare che in caso di ripresa di contagi da Covid-19, questi ultimi si confondano proprio con l’influenza. A spiegarlo è stato lo stesso Governatore della Regione, Vincenzo De Luca, il quale, ha sottolineato: “A ottobre dobbiamo fare le vaccinazioni per tutti. Dobbiamo vaccinare il 100%, dai bambini agli anziani perché l’influenza ha la stessa sintomatologia del Covid-19“.

    Coronavirus, le parole del Governatore della Campania Vincenzo De Luca

    Nel corso del suo intervento in occasione dell’inaugurazione dei lavori infrastrutturali di Città della Medicina a Baronissi (Salerno) – come riportato da “Napoli.fanpage.it” – il Governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha spiegato che quando ci ammaleremo di una semplice influenza sarà difficile distinguerla dal Covid-19. Per questo motivo, dunque, è bene che tutti si vaccinino per tempo, altrimenti a settembre-ottobre gli ospedali saranno inondati da pazienti e avranno difficoltà a reggere l’urto. De Luca, poi, ha concluso il suo intervento con un appello accorato: “Ognuno vada a fare il vaccino perché ci aiuterà tantissimo a non confondere patologie influenzali con patologie Covid“.

  • Coronavirus, dati aggiornati in Italia al 6 giugno 2020

    Sulla base dei dati diffusi dalla Protezione Civile nella giornata di ieri, giovedì 6 giugno 2020, in Italia i casi di persone attualmente contagiate da Coronavirus risultano essere 35.877. Le persone decedute dall’inizio dell’epidemia sono 33.846 (+72 rispetto a ieri), mentre i guariti/dimessi sono 165.078 (+1.297). Le persone ricoverate in terapia intensiva, invece, risultano 293(-23). In generale, il totale dei casi è di 234.801 (+177).

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.

SEGUICI SU: