Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Mercoledì 19 Febbraio
Scarica la nostra app
Segnala

Norovirus, ecco i sintomi di questo virus altamente contagioso che colpisce stomaco e intestino

Norovirus, ecco le caratteristiche di questo virus molto aggressivo e contagioso che colpisce l'apparato digerente

Norovirus
Norovirus, ecco le caratteristiche e i rischi (Foto: Pixabay)
1 di 2
  • Ecco cos’è il Norovirus, un virus altamente contagioso che colpisce prevalentemente lo stomaco e l’intestino

    Il Norovirus è un virus altamente contagioso che sta circolando in questi giorni e che colpisce soprattutto lo stomaco causa diarrea acquosa, febbre non altissima e vomito. Essendo molto contagioso, come si legge sul sito Sciencealert, si diffonde rapidamente attraverso una popolazione confinata, come ad esempio a scuola o su una nave da crociera. Sebbene la maggior parte dei malati guarisca in 24-48 ore, il Norovirus è una delle principali cause di malattie infantili e, nei paesi in via di sviluppo, provoca circa 50.000 decessi infantili ogni anno. Non tutti però vengono contagiati da questo virus. Si tratta di un virus particolarmente ostico da debellare.

    Le caratteristiche di questo virus contagioso

    È interessante notare che non tutti sono ugualmente vulnerabili al virus e che il fatto di ammalarsi o meno può dipendere dal gruppo sanguigno. Per quanto debilitante possa essere la malattia che causa, la particella di norovirus è visivamente molto bella. È un tipo di virus noto come “non avvolto” o “nudo”, il che significa che non acquisisce mai il rivestimento di membrana tipico di altri virus, come il virus dell’influenza. La superficie del norovirus è una copertura proteica, chiamata “capside”. Questa forma è proprio un fattore che rende il norovirus difficile da controllare.

    Può sopravvivere anche a basse temperature e alla candeggina leggera

    Il norovirus può sopravvivere alle temperature dal congelamento a 145 gradi Fahrenheit. Ma sopravvive anche a sapone e soluzioni leggere di candeggina. Quindi può persistere sulle mani dell’uomo per ore e su superfici solide e cibo per giorni ed è anche resistente ai disinfettanti per le mani a base di alcol. I ricercatori non sanno esattamente come questa infezione provoca quindi i sintomi della malattia. Ma un aspetto affascinante del norovirus è che, dopo l’esposizione, il gruppo sanguigno determina, in gran parte, se una persona potenzialmente può ammalarsi o meno.

    Meningite, sintomi e come riconoscerla

    Dieta a basso residuo: ecco come funziona

  • Le raccomandazioni per evitare il contagio

    Chi presenta i sintomi di norovirus, non deve uscire di casa fino a 48 ore dopo la loro scomparsa poiché il rischio di contagio è elevato. In caso di vomito bisogna lavare la superficie infetta con candeggina poiché le particelle di virus circolano nella stanza. Bisogna anche lavare le stoviglie ad alta temperatura e le lenzuola a 60 C. Il consiglio degli esperti è anche quello di cambiare spazzolino per evitare il contagio.

1 di 2

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Marco Antonio Tringali

Chitarrista per hobby, coltivo da anni la passione per la scrittura e per i social network. La ricerca della verità, purchè animata da onestà intellettuale, è una delle mie sfide. Scrivo da diversi anni per alcuni siti di informazione che mi danno l'opportunità di dare sfogo alla mia grande passione innata per il giornalismo. Amo scrivere di politica, economia (adoro i testi di Stigliz e i saggi di Rampini), salute, attualità e sport. Spero di poterne fare un mestiere in grado di darmi stabilità e certezze. L'idea che ho della vita la condenso in una metafora tratta dal volley: se la vita ti pone davanti ad un muro, affrontalo con le mani alzate...

SEGUICI SU: