Pressione alta, il nuovo studio: ecco il modo per regolarla senza medicine

Pubblicato da Danilo De Luca

Segnala
  • Ipertensione: la luce blu abbassa la pressione

    La luce di colore blu ha effetti benefici sul sistema cardiocircolatorio e abbassa la pressione sanguigna, producendo gli stessi effetti terapici di un farmaco. A rivelarlo, come riporta Fanpage.it, è un nuovo studio scaturito dalla collaborazione tra un team tedesco della Divisione di Cardiologia, pneumologia e medicina vascolare dell’Università di Düsseldorf e un’equipe inglese sotto l’egida dell’Università del Surrey.

    Lo studio

    La ricerca, coordinata dal professore universitario Christian Heiss, referente di entrambi gli atenei, ha coinvolto 14 test, tutti adulti di sesso maschile e in salute, i quali sono stati esposti per 30 minuti alle radiazioni di una luce blu monocromatica o, nel gruppo di controllo, a una luce blu dotata di un filtro. L’intensità di luce somministrata era pari a 450 nanometri, misura scelta perché corrispondente a quella assorbita mediamente durante una giornata di sole.

    I risultati

    Le misurazioni effettuate sui volontari hanno fatto emergere delle evidenze sorprendenti: la pressione sistolica dei test era scesa di 8mmHg; non solo, gli scienziati hanno rilevato una serie di ulteriori effetti benefici quali una maggiore elasticità e un più accentuato stato di rilassamento delle arterie, fattori che concorrono a migliorare il funzionamento del sistema cardiaco.

  • Riscontrato aumento dell’ossido nitrico

    Gli effetti benefici dell’esposizione alla luce blu non si fermano qui: altra rilevanza empirica è stata un aumento della concentrazione di ossido nitrico, un vasodilatatore naturale che l’organismo umano produce in modo autonomo per regolarizzare livelli troppo alti di pressione sanguigna. La luce blu sollecita la pelle, inducendo il corpo a produrne in maggiori quantità.

    Stessi effetti di un farmaco

    Lo studio, come spiegato dai suoi autori, dimostra che la luce di colore blu sarebbe in grado di produrre gli stessi effetti benefici previsti dai tradizionali farmaci: “L’esposizione alla luce blu fornisce un metodo innovativo per controllare con precisione la pressione sanguigna senza farmaci ha spiegato il professor Heiss. In futuro, potrebbero essere elaborate nuove terapie che sfruttano le funzionalità della luce che, a differenza dei raggi ultravioletti, non è cancerogena.

  • Un rimedio soprattutto per i più anziani

    Il dottor Heiss ha spiegato come la scoperta potrebbe essere davvero risolutiva soprattutto in alcuni scenari: “Sorgenti indossabili di luce blu potrebbero rendere questa terapia continua e pratica per il paziente. Ciò potrebbe essere di aiuto in particolar modo per coloro che non riescono a controllare bene la pressione con i farmaci, per esempio gli anziani, ha riferito lo specialista che ha condotto la ricerca, pubblicata sulla rivista European Journal of Preventive Cardiology.

Iscriviti alla nostra newsletter

Danilo De Luca

Web editor dal 2013, scrittore per passione dacché mi ricordi. Innamorato delle parole e del loro potere intrinseco, mi piace sperimentare, giocare con i significati e con le molteplici forme del linguaggio verbale. Coltivo con distrazione ed enfasi intermittente interessi vari e incostanti, che spaziano dallo sport all’attualità, dalla politica alla letteratura. Divoro film e serie tv quando ne ho voglia, per puro diletto, amore per la scoperta, desiderio di confronto o noia. La tecnologia, in tutte le sue evoluzioni, applicazioni e conseguenze sociali, non cessa mai di affascinarmi e sorprendermi.

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter