Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Domenica 15 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

Quanto a lungo vivrai? Svelato il segreto della longevità

Quanto a lungo vivrai? Una ricerca svela il segreto di longevità
Il segreto della longevità? Risiede nei geni - Fondazione Leonardo
1 di 3
  • Una ricerca “svela” l’esistenza dei geni di longevità: rischio di morire prima se si hanno genitori o zii e zie longevi

    Quanto a lungo vivrai? Una ricerca svela il segreto di longevità

    Il segreto della longevità? Risiede nei geni – Fondazione Leonardo

    Quanto a lungo siamo destinati a vivere?

    Vi piacerebbe sapere quanto a lungo siete destinati a vivere? Alcuni risponderebbero immediatamente di sì, altri sarebbero invece terrorizzati dal responso. Per fortuna o purtroppo, questo dubbio è destinato a rimanere tale.

    Più parenti longevi, più basso il rischio di morire prima

    C’è, però, un modo per sapere se siamo destinati ad una vita longeva: bisogna guardare sicuramente a mamma e papà, ma anche – si legge sull’ANSA – a zie e zii. È quanto emerge da una ricerca guidata dal Leiden University Medical Center, in Olanda, e dall’Università dello Utah, pubblicata su Nature Communications. La ricerca, tramite dei database provenienti dagli Stati Uniti e dalla provincia olandese di Zeeland, si è avvalga delle genealogie di circa 315.000 persone di oltre 20.000 famiglia risalenti al 1740, analizzandole. Queste le parole di Niels van den Berg, autore principale dello studio: “Abbiamo osservato che più parenti longevi si hanno, più basso è il rischio di morire prima”.

  • Rischio inferiore del 31% se si hanno genitori longevi

    In particolare, i figli di genitori che sono entrambi “top survivor” – e cioè nella fascia più alta del 10%, in termini di età, di un gruppo di persone nate entro un determinato periodo di tempo – se paragonati a persone della loro stessa età hanno un rischio inferiore del 31%. Lo stesso rischio è ridotto anche se non sono i genitori nella categoria dei top survivor ma gli zii e le zie. 

    I geni della longevità si possono trasmettere

    Ancora van den Berg: “I genitori, nelle famiglie longeve, possono quindi trasmettere i geni della longevità ai loro figli, anche se fattori esterni impediscono loro di raggiungere un età davvero elevata”.  La conclusione, quindi, rafforza l’idea che esistano dei geni di longevità da scoprire.

  • Geni di longevità, difficili da individuare

    La scienza, in realtà, da tempo si interroga sull’esistenza dei suddetti geni di longevità, che però risultano molto più difficili da individuare rispetto a quelli riguardanti le malattie. E non solo: il segreto per una lunga vita, in sintesi, potrebbe risiedere nei geni delle famiglie con membri longevi. La scienza prova a cercare una risposta.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.