Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 19 Settembre
Scarica la nostra app
Segnala

Tosse, il miele è più efficace dell’antibiotico: ecco come utilizzarlo al meglio

Tosse, il miele è più efficace dell'antibiotico: ecco come utilizzarlo al meglio. Fonte foto: donnamoderna.com
1 di 3
  • Le proprietà del miele contribuiscono ad alleviare le mucose nasali e combattere la tosse: tutte le info

    tosse miele

    Il miele è il “nuovo” rimedio contro la tosse – Foto Pazienti.it

    Il miele per combattere la tosse: ecco come e perchè

    Come combattere in modo efficace la tosse? Sciroppo? Pasticche? Soprattutto antibiotico? No. Il miele! Questo prodotto, che nasce dalle “sapienti doti” delle api, è il nuovo inaspettato rimedio per tosse e raffreddore. Nuovo, in realtà, non lo è affatto: come spiegato dal quotidiano britannico Indipendent e riportato dal sito CheDonna.it, il miele è infatti utilizzato da secoli per contrastare i malanni invernali. E che cosa avrà di tanto speciale questo alimento di cui mezzo mondo, a tavola, è ghiotto?

    Le proprietà benefiche del miele contro la tosse

    Il miele è antiossidante, antibatterico e antimicotico: per questo motivo, come rivela Indipendent, è uno dei più forti antidoti naturali. Inoltre, secondo le nuove linee guide dell’Istituto nazionale di salute e cura (NICE) e della sanità pubblica inglese (PHE), se assunto insieme ai farmaci da banco miele è particolarmente efficace nella riduzione dei sintomi da tosse acuta in casi di infezioni aeree. Addirittura più di un antibiotico, che però è molto importante quando si ha a che fare con i batteri nell’organismo. A rendere speciale il miele è anche la sua consistenza appiccicosa, che contribuisce all’alleviare le mucose e liberare le cavità nasali.

  • Come usare il miele contro la tosse

    Come fare dunque per usare il miele al meglio? Basta bollire un po’ d’acqua minerale e versare il liquido, con mezzo limone spremuto al suo interno (possibilmente biologico), in una tazza o un bicchiere. Dopodiché aggiungere uno o due cucchiaini di miele puro (meglio se biologico) e bere il composto il prima possibile per mantenere il calore.

  • Le controindicazioni dell’antibiotico

    Secondo la dottoressa statunitense e specialista in infezioni Susan Hopkins, come riportato dal portale CheDonna.it, “l’assunzione di antibiotici, se non ce n’è bisogno, sottopone i soggetti e le loro famiglie al rischio di contrarre un’infezione difficile da trattare”. D’accordo anche la collega Tessa Lewis, presidente del NICE Antimicrobial Prescribing Guideline Group, la quale rivela che ““in caso di naso che cola, mal di gola e tosse i sintomi possono sparire in due o tre settimane senza l’assunzione di antibiotici”.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.