NanoPress

Tumori, scoperta correlazione con il campo magnetico della corrente elettrica

Pubblicato da

Segnala
  • Arrivano ulteriore conferme: vi sarebbe una correlazione tra il campo magnetico della corrente elettrica e la crescita dei tumori.

    tumoriTumori, scoperta correlazione con il campo magnetico della corrente elettrica – Per anni si è sospettata una preoccupante correlazione tra malattie oncologiche e interferenze con il campo magnetico della corrente elettrica, tuttavia è sempre mancato il conforto della scienza a queste insinuazioni. Adesso, un nuovo studio, sembra fare ordine: il campo magnetico della corrente elettrica a 50hz incentiva l’insorgenza di tumori maligni. A sostenerlo sono i ricercatori dell’Istituto Ramazzini di Bologna, secondo i quali è indispensabile bisogna riesaminare la sicurezza dei campi magnetici non ionizzanti. Mesi addietro, infatti un gruppo di epidemiologi ha dimostrato un aumento dell’insorgenza di cancro del cervello in lavoratori esposti ad agenti chimici e campi magnetici a bassissima frequenza. Come si è arrivati a questi risultati?

  • Dunque sono stati condotti esperimenti per cercare di appurare la correlazione tra campo magnetico della corrente elettrica e malattie oncologiche. Nel corso degli studi, i ratti esposti ad una dose di radiazioni ionizzanti gamma a CM-50Hz hanno sviluppato un aumento dell’incidenza di tre tipi di tumore. Le neoplasia maggiormente riscontrate sono cancro mammario, leucemia ed un raro tumore del cuore chiamato Schwannoma maligno. Appare allora evidente come vi sia una notevole incidenza di tumori in caso di esposizioni al campo magnetico. Cosa ne consegue?

  • Alla fine sono arrivate le attese conferme scientifiche. Secondo lo scienziato Soffritti le osservazioni epidemiologiche effettuate riguardanti l’aumento significativo del rischio di linfomi e leucemie e tumori della mammella in lavoratori esposti a campo elettromagnetico sono fondate. E pertanto meritano ulteriori approfondimenti.


info@centrometeoitaliano.it

Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter