Scandalo Fukushima: La centrale andava chiusa molti anni prima del disastro, situazione fuori controllo

Pubblicato da

Segnala

Le conseguenze potrebbero essere devastanti a livello globale, ma tutti oscurano la verità.

Le notizie che ci pervengono sono veramente sconvolgente, infatti le autorità Giapponesi sapevano che Fukushima era una centrale completamente abbandonata a se stessa e all’incuria ed andava chiusa molti anni prima del disatro del 2011. Ma la cosa peggiore è che nessuno sa realmente in che condizioni siano i reattori, con oltre 400 tonnellate di combustibile e con un’operazione che richiederà 11 miliardi di dollari e 40 anni di lavori.

Rischio Fukushima, situzione fuori controllo

Rischio Fukushima, situzione fuori controllo

Le pesanti ondate di radiazioni potrebbero investire tutti i paesi limitrofi al Giappone ed anche il Nord America, il disastro potrebbe essere causato dal crollo dei bacini di combustibile, dalla fusione del terreno, da un grosso incendio o peggio se una barra si rompesse, si impigliasse nel suolo o si rompesse. Esperti nucleari dicono: “non resterebbe che evacuare l’emisfero nord della Terra e spostarsi tutti a sud dell’equatore, la rimozione dei materiali radioattivi dai bacini del combustibile di Fukushima è una questione di sopravvivenza umana”. Ed ancora il Japan Times: “Le conseguenze potrebbero essere di gran lunga più gravi di qualsiasi incidente nucleare che il mondo abbia mai visto, ognuna di queste situazioni potrebbe portare a massicci rilasci di radionuclidi mortali nell’atmosfera, mettendo in grave rischio gran parte del Giappone ed anche i paesi vicini. Invece il Washington Blog afferma: “Il Giappone ha cercato disperatamente di coprire la verità per due anni e mezzo e solo ora ha ammesso che da due anni sta rilasciando enormi quantità di acqua radioattiva che, attraverso le falde sotterranee, si riversano nell’Oceano Pacifico.” Ma non solo il Giappone anche i media, i politici ed i tecnici hanno sin da subito oscurato la situazione ai nostri occhi.

Iscriviti alla nostra newsletter
Seguici su:
Facebook
Google Plus
Twitter