Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Giovedì 24 Dicembre
Scarica la nostra app

WhatsApp, attenzione alla bufala del falso modulo sul Bonus Natale INPS: si tratta di una truffa

WhatsApp, attenzione alla bufala del falso modulo sul Bonus Natale INPS, si tratta di una truffa. Tutti i dettagli

WhatsApp, attenzione alla bufala del falso modulo sul Bonus Natale INPS: si tratta di una truffa
WhatsApp, attenzione alla bufala del falso modulo sul Bonus Natale INPS, si tratta di una truffa (Foto Pixabay)
1 di 3
  • WhatsApp, attenzione alla bufala del falso modulo sul Bonus Natale INPS, si tratta di una truffa

    Il servizio di messaggistica WhatsApp è sempre preso di mira da malintenzionati. Negli ultimi giorni infatti una nuova bufala sta circolando su WhatsApp. Si tratta di un falso documento riguardante il Bonus Natale INPS che sta circolando su WhatsApp, con tanto di intestazione all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Il falso modulo permette di richiedere l’assegnazione di un incentivo che però non esiste, come riporta Money.it. Vediamo nello specifico di cosa si tratta e come comportarsi per evitare di essere truffati. Leggi anche: WhatsApp, ecco come prenotare il ticket per gli uffici di Poste Italiane utilizzando l’app di messaggistica

    La truffa del Bonus Natale

    Gli utenti più ingenui sono caduti nella trappola che replica il classico modus operandi di tipo phishing. Il sistema usato nei tentativi di phishing è quello di imitare istituzioni e profili ufficiali per trarre in inganno i meno attenti. Su questa questione è intervenuta anche la pagina INPS per la Famiglia con un post dedicato su Facebook. Ecco come riconoscere la truffa e cosa fare per difendersi: Se avete ricevuto anche voi il modulo PDF da compilare per fare richiesta del Bonus Natale fate attenzione: ignorate il messaggio e non compilate assolutamente il documento in questione. Leggi anche: Whatsapp non funzionerà più su alcuni smartphone a partire dal 2021: ecco di quali si tratta

    Il documento falso

    Il documento falso presenta in alto il logo INPS, un piccolo form per l’inserimento dei propri dati personali come nome e cognome, luogo di nascita, data, comune e indirizzo di residenza, telefono e codice fiscale. Segue poi un corpo testo più lungo in cui si esprime la richiesta del bonus e un form finale in cui compilare i dati inerenti alla propria carta, ovvero quelli più importanti e sensibili. Il tutto da inviare a un preciso indirizzo email con che è ovviamente falso. WHATSAPP SHOPPING, ECCO COME EFFETTUARE ACQUISTI CON L’APP DI MARK ZUCKERBERG

    CONTINUA A LEGGERE

  • Come comportarsi

    Ovviamente non si deve mai condividere dati sensibili e l’indirizzo email può rappresentare già un’importante campanello d’allarme: questo tipo di bonus non vengono mai richiesti via posta elettronica ma attraverso il sito ufficiale INPS.

  • Eliminare subito il messaggio

    Il dominio delle mail istituzionali risponde sempre a quello dell’organo di appartenenza ed in questo caso dovrebbe essere @Inps, mentre non è così ovviamente nel modulo truffa. La prima cosa da fare è eliminare il messaggio e avvertire la persona che lo ha inviato in caso fosse stata coinvolta nella truffa.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: