Venerdì 23 Agosto
Scarica la nostra app

Terremoto superficiale avvertito con rimbombo acustico al Sud Italia, dati ufficiali Ingv di poco fa

Terremoto avvertito al sud Italia. Scossa nel catanese avvertita dalla popolazione, dati ufficiali

Terremoto registrato ed avvertito in provincia di Catania. Fonte:fastweb.it
1 di 3
  • Terremoto: continuano le scosse in Italia

    L’Italia sta continuando a tremare e sono numerose le scosse che si sono registrate nelle ultime 24 ore. Tra le tante scosse, ce ne sono anche molte di tipo strumentale e quindi non avvertitibili dalla popolazione. Come riportato in apposito editoriale, a tremare sono state soprattutto le Marche, la Calabria e l’Emilia Romagna con un evento sismico di M 2.8 avvertito bene nelle zone epicentrali. Poco fa inoltre, una debole scossa è stata registrata ed avvertita bene nel catanese, con magnitudo 2.0 e ipocentro fissato a circa 6 km.

    Terremoto nel catanese

    L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato una scossa di terremoto in Sicilia nella serata odierna, alle ore 20.56, esattamente nel catanese, dove è stata percepita bene nei comuni prossimi all’epicentro. Il sisma, molto debole, è stato però avvertito ugualmente a Milo, Zafferana Etnea, Maletto e Bronte, comuni situati a circa 13 km dall’epicentro.

    Localizzazione del sisma

    Il terremoto avvenuto nel catanese, secondo l’Ingv, è stato localizzato a 23 Km a NW di Acireale (52622 abitanti), 29 Km a NW di Catania (314555 abitanti), 71 Km a SW di Reggio di Calabria (183035 abitanti), 71 Km a SW di Messina (238439 abitanti), 82 Km a NW di Siracusa (122291 abitanti), 86 Km a E di Caltanissetta (63360 abitanti), 94 Km a N di Ragusa (73313 abitanti), 97 Km a NE di Vittoria (63339 abitanti), 100 Km a NE di Gela (75827 abitanti).

  • Terremoto: rimbombo acustico nelle zone epicentrali

    Generalmente il terremoto causa rumore avvertibile soprattutto nella zona epicentrale e questo avviene anche con sismi che hanno magnitudo molto basse. Nelle descrizioni della gente che avverte il terremoto spesso si fa riferimento a rumori come un rombo, un tuono, un boato o un forte vento. Tutto dipende ovviamente dalla diversa modalità di propagazione delle onde sismiche nel suolo. Le prime che arrivano (onde P o onde primarie) a volte sono quelle più difficili da percepire come vibrazione, rispetto alle più lente onde S (o trasversali) ma possono però produrre un suono udibile. Questo è anche il motivo per cui molti animali fuggono in anticipo prima dell’arrivo del terremoto e dello scuotimento (Fonte:ingvterremoti.wordpress.com).

  • Restate aggiornati sulla nostra pagina

    Riguardo la situazione sismica mondiale di oggi, giovedì 16-5-2019, non ci sono forti scosse di terremoto di magnitudo pari o superiore a 6.0 da segnalare.  Come sempre vi ricordiamo che all’interno della nostra pagina ‘’Terremoti in Italia e nel Mondo’’, è possibile consultare in diretta l’andamento della sismicità nel territorio italiano e in quello mondiale.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Alessandro Allegrucci

Laurea triennale in Scienze Forestali ed Ambientali e Laurea magistrale in Scienze Agrarie e del Territorio. Conoscenze e studi di Geofisica e Terremoti. Nel percorso di studi ho sempre mostrato interesse anche a temi di salute. La mia più grande passione però resta da sempre la meteorologia, approfondita poi attraverso la tesi di laurea sperimentale sulle variabili pedoclimatiche in Italia e un master di "Meteorologia Nautica". Amo viaggiare, scoprire nuovi luoghi e in generale sono curioso di conoscere e imparare. I fenomeni naturali, la loro bellezza e potenza sono tra le cose che più mi affascinano al mondo.