Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Venerdì 20 Settembre
Scarica la nostra app

Violenta scossa di terremoto poco fa: la terra si sta muovendo per centinaia di chilometri. Epicentro localizzato nelle Isole Andreanof

L'European-Mediterranean Seismological Centre (EMSC) ha registrato una violenta scossa di terremoto nelle Isole Andreanof

Violenta scossa di terremoto poco fa: la terra si sta muovendo per centinaia di chilometri. Epicentro localizzato nelle Isole Andreanof. Immagine di repertorio, fonte foto: iusetnorma.it
1 di 3
  • Forte terremoto registrato nelle Isole Andreanof

    Esattamente alle 10:45 di questa mattina, giovedì 23 maggio 2019, l’European-Mediterranean Seismological Centre (EMSC) ha registrato una forte scossa di terremoto di magnitudo 6.1, localizzata in mare, nelle Isole Andrenof, con ipocentro a 56 chilometri di profondità.

    Terremoto nelle Isole Andreanof: i centri abitati più vicini al sisma

    Dunque, questa mattina, alle ore 10:45, la terra ha tremato nelle Isole Andrenof. La scossa di magnitudo 6.1 – secondo quanto riportato dall’European-Mediterranean Seismological Centre (EMSC) – è stata avvertita a 4496 chilometri a nord-est di Seoul (10.350.000 abitanti),  a 4482 chilometri a nord-est di Pyonyang (3.222.000 abitanti), a 3749 chilometri a nord-est di Tokyo (8.337.000 abitanti).

    Lieve scossa di terremoto all’alba in Sicilia

    Per quanto riguarda la situazione sismica che si registra in Italia, questa mattina, alle ore 06:35, si è verificata una lieve scossa di terremoto in Sicilia, esattamente a 11 chilometri da Milo, in provincia di Catania, con ipocentro ad 1 chilometro di profondità. L’evento sismico è stato localizzato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia a 21 chilometri a nord-ovest di Acireale, a 29 chilometri a nord di Catania, a 69 chilometri a sud-ovest di Reggio Calabria e a 69 chilometri a sud-ovest di Messina.

  • Terremoto: ieri scossa di magnitudo 3.3 in Emilia Romagna

    Soffermandoci, invece, sulle scosse di terremoto che si sono registrate nella giornata di ieri, mercoledì 22 maggio 2019, il sisma più intenso si è verificato alle ore 16:37, di magnitudo 3.3 in Emilia Romagna, a Vernasca, in provincia di Piacenza ed ipocentro a 3 chilometri di profondità. Il sisma è stato localizzato dall’INGV a 33 chilometri a sud-est di Piacenza, a 36 chilometri a ovest di Parma, a 40 chilometri a sud-ovest di Cremona.

    Terremoto, scossa nel distretto Costa Calabra sud Occidentale

    Sempre nella giornata di ieri, mercoledì 22 maggio 2019, la seconda scossa di terremoto più forte registrata dall’Istituto Nazionale di Geofisica è stata alle ore 19:20, di magnitudo 2.3 nel distretto Costa Calabra sud Occidentale (Catanzaro, Vibo Valentia, Reggio Calabria), con ipocentro 54 chilometri. In questo caso l’evento sismico è stato localizzato dall’INGV a 32 chilometri a sud-ovest di Lamezia Terme, a 51 chilometri a ovest di Catanzaro, a 57 chilometri a sud-ovest di Cosenza e a 80 chilometri a nord-est di Messina.

  • Terremoto oggi, 23 maggio 2019: le ultime scosse registrate nel mondo

    Per quanto riguarda la situazione sismica nel mondo relativa alla giornata di oggi, giovedì 23 maggio 2019, vi abbiamo dato conto in questo articolo della scossa di magnitudo 6.1, localizzata in mare, nelle Isole Andrenof, alle ore 10:45. Per ulteriori dettagli vi ricordiamo che all’interno della nostra pagina ‘’Terremoti in Italia e nel Mondo’’, è possibile consultare in tempo reale l’andamento della sismicità nel territorio italiano e in quello mondiale.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Nunzio Corrasco

Laureato in Scienze Politiche e giornalista pubblicista, fin dai primi anni di liceo ho sempre coltivato la passione per la scrittura. Ho iniziato a svolgere questa attività dal 2011 ed ho avuto la possibilità di collaborare con diversi siti. Mi sono sempre occupato di scrivere notizie relative a tutto ciò che riguarda l'attualità. Esperto nel settore relativo alla salute e in quello scientifico-tecnologico, appassionato di cronaca meteo, geofisica e terremoti. Il mio motto è: “Solo chi è abbastanza folle da credere di poter cambiare il mondo, lo cambia davvero”.