Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Lunedì 8 Giugno
Scarica la nostra app

Violento terremoto, gli esperti avvisano: ecco cosa succede prima di un evento sismico molto intenso

Violento terremoto, gli esperti avvisano: ecco cosa succede prima di un evento sismico molto intenso. Nuovo studio pubblicato su Nature.

forte terremoto e danni, (immagine di archivio Pixabay)
1 di 3
  • Violento terremoto, gli esperti avvisano: ecco cosa succede prima di un evento sismico molto intenso

    Un nuovo studio scientifico si è concentrato sul terremoto del Tohoku-oki del 2011 in Giappone, che ha ucciso 15.500 persone. I ricercatori hanno studiato i dati della vasta rete giapponese di squadre di sorveglianza. Hanno rilevato piccoli e “impercettibili” piccoli cambiamenti nella massa terrestre prima del terremoto. Queste oscillazioni sono durate per mesi e potrebbero fornire un futuro sistema di allarme rapido per prevenire scosse così forti e devastanti come quella di 9 anni fa. Una serie di “oscillazioni” si verificano prima dei terremoti molto forti, secondo un nuovo studio e potrebbero aiutare gli scienziati a prevedere quando si verificheranno disastri futuri, come riporta alertageo.org. Forte terremoto M 5.6 scuote la terra per diverse centinaia di chilometri: epicentro alle isole Sandwich, dati ufficiali

    La ricerca

    Gli scienziati della Ohio State University hanno scoperto che mesi prima del più forte terremoto nella storia del Giappone nel 2011, le masse terrestri del paese hanno subito delle oscillazioni. Il terremoto del 2011 ha scatenato uno tsunami che ha ucciso migliaia di persone e gli scienziati affermano che il traballare che lo ha preceduto è durato mesi. Il team dietro l’ultima scoperta spera che le oscillazioni future possano allertare i sismologi in vista di catastrofi imminenti e dare ai paesi il tempo di prepararsi. Questo però richiederà a tutti i “paesi a rischio” di installare una rete di sensori ampia e robusta. Sebbene i piccoli cambiamenti fossero “impercettibili”, erano “evidenti” nei dati misurati da oltre 1.000 stazioni GPS sparse in tutto il paese, affermano gli scienziati. Forte scossa di terremoto avvertita nel Mediterraneo poco fa

    Studio pubblicato su Nature

    Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature, ha esaminato i dati relativi al terremoto di magnitudo 9 di Tohoku-oki dell’11 marzo che ha ucciso 15.500 persone. Uno strano cambiamento nel terreno ha scosso la massa terrestre del paese da est a ovest. Il co-autore dello studio, il professor Michael Bevis, ha affermato che ciò che hanno scoperto in Giappone è stato un enorme ma molto lento traballante, cosa mai visto prima. Ma tutti i terremoti giganti sono preceduti da questo tipo di oscillazioni? Non lo sappiamo perché non disponiamo di dati sufficienti “, hanno detto i ricercatori dello Stato dell’Ohio. “Questo è qualcos’altro da considerare quando si valuta il rischio sismico in zone di subduzione come Giappone, Sumatra, Ande e Alaska.”

  • Le misure degli spostamenti

    La nuova ricerca ha scoperto che le masse di terra giapponesi hanno spostato ripetutamente l’equivalente di appena una frazione di pollice al mese per un periodo da cinque a sette mesi prima del terremoto del 2011. Scienziati provenienti da Germania, Cile e Stati Uniti hanno analizzato questi dati e hanno visto un cambiamento inverso sulla terra. Hanno scoperto che una frazione di pollice era invertita a est, poi a ovest e poi a est. Quei movimenti erano “marcatamente” diversi dai costanti cambiamenti ciclici che le masse terrestri terrestri apportano continuamente, ha spiegato il team di scienziati.

  • I risultati

    Il coordinatore dello studio ha detto che l’oscillazione potrebbe indicare che nei mesi precedenti il ​​terremoto, la piastra sotto il Mare delle Filippine ha iniziato una “lenta scivolata”. Il catalizzatore del terremoto, secondo Bevis, fu una spinta relativamente regolare e “silenziosa” da due placche oceaniche adiacenti sotto il Giappone. Questo cambiamento silenzioso alla fine ha scatenato un enorme traballare verso ovest e verso il basso che ha spinto la lastra e la lastra del Pacifico sotto il Giappone, generando potenti onde sismiche che hanno scosso l’intero paese. Il Giappone è stato devastato dal disastro naturale che ha definitivamente spostato gran parte di Honshu, l’isola principale del paese, diversi metri a est.

1 di 3

La nostra newsletter! Ricevi gli aggiornamenti e le ultimissime su Meteo e Scienza via mail!

ISCRIVITI ORA!

Valerio Fioretti

Sono un fisico, meteo appassionato e meteorologo, scrivo da qualche anno notizie sul web. Sono esperto di argomenti che riguardano sport, calcio, salute, attualità, alpinismo, montagna e terremoti. Mi piace molto praticare sport e seguire anche eventi sportivi sia dal vivo che in tv. Amo leggere, viaggiare, andare a correre. Una vera e propria passione è quella per i fumetti, in particolare colleziono quelli di Tex Willer.

SEGUICI SU: